10 Migliori Parchi per un Safari in Kenya e Tanzania

i luoghi più lussuosi per i safari in kenya e tanzania

“In Europa voi avete l’Orologio,

noi in Africa abbiamo il Tempo“.

– Un anziano signore, aspettando lo shuttle fuori dall’aeroporto –

Hello beautiful people, e benvenuti ad un altro articolo sul nostro amato continente africano! 🙂

Dopo avervi raccontato del nostro viaggio in Namibia con una Camping Car e le nostre curiose scoperte immersi a Città del Capo in Sudafrica (con la sua miriade di attrazioni!), oggi vorrei portarvi ancora una volta tra gli splendidi parchi nazionali dell’Africa orientale, per scoprirne quelli più epici e memorabili!

Mi sono documentato a fondo sulla varietà dei parchi e delle esperienze in Kenya-Tanzania perché la mia ragazza (Isa) ama molto questo angolo d’Africa e ho pensato di farle una sorpresa regalandole un viaggio a sorpresa! 😉

C’ho messo ore per ricercare tutti i parchi più suggestivi, ed una volta finito, ho pensato di dedicare quell’oretta per mettere tutta la mia ricerca in un articlo, in modo che il tempo non andasse tutto sprecato, e per aiutare te o chiunque altro a trovare il posto giusto per un safari indimenticabile nel sud-est africano! 

Qui di seguito trovi i migliori i parchi nazionali e le riserve del Kenya e della Tanzania che vale la pena prendere in considerazione per una vacanza epica, tutte le loro differenze e i potenziali motivi per cui sceglierne uno piuttosto che l’altro (nota: sono diversi, ma tutti fantastici a modo loro!).

Se sei anche tu alla ricerca di un luogo dove trascorrere una settimana nella natura selvaggia, regalare un viaggio memorabile a una persona speciale o magari trascorrere una luna di miele tra gli gnu e il big five (leoni, bufali, elefanti, rinoceronti e leopardi), penso che in questo post troverai buone idee e ispirazione per cominciare la tua ricerca ;D

Cominciamo subito! 🙂

I 10 migliori parchi nazionali dell’Africa Sud-Orientale

per un’esperienza di safari epica in Kenya e Tanzania

1. Parco nazionale di Amboseli, Kenya

TRATTO DISTINTIVO: AI PIEDI DEL KILIMANJARO (ALTO 5985 M)

Foto del Parco nazionale di Ambuseli in Kenya - con le zebre

Originariamente conosciuta come Riserva di caccia Maasai Amboseli, la Amboseli Amboseli è un parco nazionale è un’area ecoturistica di 151 miglia quadrate nella Rift Valley del Kenya, dominata dal monte Kilimanjaro.

Il sito è stato messo sotto protezione nazionale per la prima volta nel 1906, istituito come parco nazionale nel 1974 e dichiarato Riserva della Biosfera dell’UNESCO nel 1991.

Sebbene sia conosciuto principalmente come il posto migliore al mondo per la visione di branchi di elefanti liberi, il parco nazionale di Amboseli offre anche vaste opportunità di interazione con le popolazioni indigene Maasai, viste straordinarie del monte Kilimanjaro (5985 m) e una vasta gamma di animali selvatici che vanno dai grandi mammiferi dei “Big 5, ad oltre 400 specie di uccelli!

Situato a 150 miglia a sud-est di Nairobi, Amboseli è il secondo parco nazionale più popolare del Kenya, che attira circa 120.000 visitatori all’anno, e senza dubbio una delle destinazioni più ambite per i safari economici e di lusso.

Il nome “Amboseli” deriva da una parola Maasai che significa “polvere salata”, che ne descrive il terreno lasciato dal letto prosciugato del lago Amboseli.

Il parco è per lo più pianeggiante e verde, dove si alternano di tanto in tanto terreni bianchi e polverosi e zone umide con sorgenti sulfuree. Nel Parco nazionale di Amboseli, ci si può aspettare di vedere sia la savana e boschi.

Perché visitarla?

  • Branchi di elefanti, viste sul Kilimanjaro, Big 5, incontro con la tribù Masai, incredibile cielo notturno
  • Un’ampia scelta in termini di lodge/alloggii
  • Prezzi competitivi per i Lodge tutto l’anno
  • Leopardi, ghepardi, cani selvatici, bufali, elefanti, giraffe, zebre, leoni, coccodrilli, manguste, iraci, dik-dik, kudù minori e istrici notturni + una prolifica avifauna con oltre 600 specie di uccelli

2. Parco nazionale Masai Mara, Kenya

TRATTO DISTINTIVO: IL POSTO MIGLIORE PER ASSISTERE ALLA GRANDE MIGRAZIONE DEGLI GNU

Foto di gnu nel Parco Nazionale Masai Mara, Africa orientale

il Masai Mara è una testimonianza della cruda bellezza della natura ed è rinomato per l’impressionante Grande migrazione degli Gnu, uno spettacolo sbalorditivo di milioni di gnu (e zebre!) che attraversano coraggiosamente fiumi pieni di coccodrilli in cerca di acqua ed erba fresca.

Oltre ad essere il posto migliore al mondo per vedere gli gnu e i Big 5, con le sue praterie e le sue praterie e le splendide pianure, la Riserva Nazionale Masai Mara ospita anche altre specie di animali selvatici, tra cui iene, ippopotami, eland, giraffe, zebre, ghepardi, sciacalli e impala.

Sicuramente meta da sogno per ogni viaggiatore appassionato di fauna selvatica, il Masai Mara fa parte dell’enorme ecosistema del Serengeti, un multi-parco che si estende per circa 12.000 miglia quadrate nel nord della Tanzania e nel sud-ovest del Kenya.

La famosa traversata del fiume Mara, dove i coccodrilli affamati sono in agguato, è uno spettacolo diverso da qualsiasi altro safari che si possa vedere.

Con un’area di 1510 km2 (più di 5 volte la già enorme superficie dell’Amboseli), il Parco Nazionale Masai Mara è anche tra i luoghi più ambiti dove trascorrere un safari di lusso: i lodge sono eleganti, moderni e curati in tutti i dettagli; lo stesso vale per i tour (il turismo qui è molto sviluppato).

Con tutta la hype turistica intorno a questo posto ed alla grande migrazione, puoi ben immaginare che anche i prezzi dei lodge/campi nel Masai Mara siano alti (tra i più alti di quelli dei parchi in questa lista!):  tra i 600-1200+ Euro/notte per una suite in un lodge locale, anche se di tanto in tanto buone offerte appaiono sempre! ;D

Perché visitarla?

  • Puoi assistere alla della Grande Migrazione degli Gnu
  • Zebre, ippopotami, ghepardi, giraffe, leoni, leopardi, elefanti, coccodrilli, bufali, scimmie, rinoceronti e molti altri!
  • Innumerevoli branchi di animali attraversano il fiume Mara tra i coccodrilli
  • Incontrare la tribù Masai
  • I lodge sono esclusivi e lussuosi (ma anche molto costosi!).

 

3. Riserva nazionale di Samburu, Kenya

TRATTO DISTINTIVO: ANIMALI RARI COME LA ZEBRA GREVY O LA GIRAFFA RETICULATA

riserva nazionale di samburu

La Riserva Nazionale di Samburu è una riserva di 165 km2 situata sulle rive del fiume Ewaso Ng’iro, nel Kenya settentrionale.

Questo parco, essendo più piccolo dei precedenti, passa spesso sotto il radar del turismo di massa ed è considerato un’esperienza più “premium”.

Per questo viene spesso scelto come meta per Safari africani e vacanze in Kenya da chi ha già visto almeno una volta sia l’Amboseli che il Masai Mara.

La Riserva Nazionale di Samburu è famosa per le rare specie di animali selvatici che vivono qui: la zebra di Grevy, lo struzzo somalo, la giraffa reticolata e l’orice di Beisa, solo per citarne alcuni 🙂

I lodge all’interno del parco sono per lo più situati vicino al fiume Ewaso Ng’iro, un luogo ideale per osservare la fauna selvatica che si reca al fiume per trovare acqua.

Qui, infatti, non è nemmeno necessario guidare per molte ore al giorno, perché è facile avvistare gli animali semplicemente stando fermi nei lodge e aspettando che vengano ad abbeverarsi.

Perché visitarla?

  • Specie rare: Grevy Zebra, Struzzo somalo, Giraffa reticolata, Gerenuk e l’Orice di Beisa.
  • Circa 900 elefanti
  • I safari a piedi e a cavallo sono offerti in alternativa ai safari in jeep
  • Se hai già visto i parchi più grandi, questa è un’esperienza più intima e diversa

4. Parco nazionale del Serengeti, Tanzania

TRATTO DISTINTIVO: LA SAVANA GIALLA, LA GRANDE MIGRAZIONE DEGLI GNU E LE MONGOLFIERE!

Tre giraffe nel Parco Nazionale del Serengeti, Kenya, Africa orientale

Il Parco Nazionale del Serengeti è il più antico parco nazionale della Tanzania e probabilmente il parco africano più famoso in tutto il mondo (è persino citato nella famosa hit “Africa” dei Toto 😉 ).

Con il Masai Mara, il Serengeti è l’altra destinazione in cui è possibile assistere alla Grande Migrazione, lo spostamento di migliaia di gnu e zebre nel Masai Mara, che ha luogo da luglio a settembre.

Nota:
Fanno essenzialmente parte dello stesso grande parco, ma la parte del Serengeti si trova in Tanzania, mentre il Masai Mara è in Kenya. Naturalmente, le frontiere sono stabilite dagli esseri umani, ma gli animali continuano ad attraversarle durante l’anno a loro piacimento 😉

Un’attività particolarmente pregiata che viene offerta nel Serengeti sono i Safari in mongolfiera, un nuovo modo di esplorare la Savana e la fauna selvatica da una nuova prospettiva (abbiamo inserito anche il Serengeti nel nostro articolo sui Migliori Luoghi del Mondo dove Volare con una Mongolfiera!).

Nel tentativo di rendere il più lussuosa possibile l’esperienza africana dei turisti stranieri, i lodge e gli accampamenti del Serengeti presentano caratteristiche fantastiche, tra le migliori dell’Africa orientale (alcuni offrono persino piscine a sfioro in cima alle pozze d’acqua!) e si trovano all’interno o accanto al parco.

 

Perché visitarla?

  • Grande Migrazione degli Gnu
  • Innumerevoli branchi di animali attraversano il fiume Mara,
  • Esperienza in mongolfiera sopra la Savana
  • Lodge sviluppati, uscite notturne
  • Zebre, ippopotami, ghepardi, giraffe, leoni, leopardi, elefanti, coccodrilli, bufali, scimmie, rinoceronti e molti altri!

 

5. Lewa Wildlife Conservancy, Kenya

TRATTO DISTINTIVO: FORESTA, CASCATA E RINOCERONTI

conservazione della fauna selvatica di lewa

Il Lewa Wildlife Conservancy (noto anche semplicemente come “Lewa Downs”) è un’area protetta nel Kenya settentrionale che si pone come un bastione pionieristico della conservazione, incrollabile nella sua dedizione alla salvaguardia del maestoso rinoceronte.

Costituita nel 1995, con una superficie di 250 km2, la Conservancy comprende all’interno dei suoi confini la foresta di Ngare Ndare (uno dei pochi luoghi in cui si possono vedere cascate in Kenya/Tanzania!) e ospita specie rare e minacciate come i rinoceronti neri e i sitatunga.

Scegliendo di visitare il Lewa Downs, si ha l’opportunità di allinearsi con questa nobile causa, in quanto i fondi raccolti nei sontuosi lodge non solo garantiscono esclusività e lusso al turista, ma sono donati alla fondazione del parco che contribuisce direttamente alla conservazione di queste magnifiche creature.

Sebbene sia più piccolo di altri parchi, nel Lewa Downs è possibile trovare tutti i Big 5 (leoni, elefanti, rinoceronti, leopardi e bufali!) e oltre 350 individui delle rare zebre di Grevy.

 

Perché visitarla?

  • Foresta e cascate di Ngare ndare
  • Big 5 (leoni, leopardi, rinoceronti, elefanti e bufali)
  • Rinoceronti neri e sitatunghe (specie rare)
  • La maggior parte del denaro speso all’interno del parco viene raccolto per la conservazione dell’area!

 

6. Parco nazionale dello Tsavo, Kenya

TRATTO DISTINTIVO: DESERTO, PAESAGGI DIVERSI E MENO TURISTI!

parco nazionale dello tsavo kenya

Il Parco Nazionale dello Tsavo, con un’impressionante area di 13.474 km2, è il il più grande parco del Kenya
(10 volte più grande del Masai Mara!).

L’immensa natura selvaggia di questo enorme parco, suddiviso nelle sezioni est e ovest, è un rifugio per gli iconici “Big Five” e vanta un ricco arazzo di paesaggi diversi per tutti i gusti.

Oltre alla savana e alle praterie, nel Parco Nazionale dello Tsavo un’area importante è costituita dal deserto semiarido di Taru (una distesa infinita di sabbia arancione, immobilità e nulla).

Il turismo qui è meno sviluppato rispetto ai posti visti fin’ora.

 

Perché visitarla?

  • I 5 grandi e
  • Enorme varietà di paesaggi diversi
  • Il deserto semi-arido di Taru offre numerose attività
  • Più economici e meno sviluppati rispetto agli altri parchi kenioti

 

7. Cratere di Ngorongoro, Tanzania

TRATTO DISTINTIVO: LA CALDERA PIÙ GRANDE DEL MONDO E I FENICOTTERI ROSA!

cratere di ngorongoro tanzania

2200 metri sul livello del mare e 16 km di diametro sono le dimensioni gigantesche che fanno dell’area protetta del Cratere di Ngorongoro la più grande caldera intatta del mondo!

È difficile descrivere il cratere di Ngorongoro a parole (le immagini fanno sicuramente meglio!): è semplicemente un anfiteatro naturale in cui la fauna selvatica più varia si riunisce intorno a un lago fuori dal mondo.

Sulla corona meridionale del cratere corre l’unica strada dell’intera area, ed è anche il punto in cui i lussuosi lodge sono graziosamente arroccati sul bordo.

Inutile dire che la vista del cratere dai bordi è mozzafiato!

Al centro della caldera, il lago salato Magadi è un luogo dove vive un enorme gruppo di fenicotteri rosa che si nutre di alghe morte.

I fenicotteri minori di Ngorongoro sono creature estremamente sociali, che di solito vivono in stormi di migliaia di esemplari: un incredibile spettacolo della natura e il sogno di ogni fotografo!

Nel complesso, Ngorongoro è uno dei luoghi più umidi e piovosi della Tanzania e il paesaggio è pieno di piccoli fiumi, laghi e laghetti. Di notte la nebbia è molto comune e la sua presenza genera tramonti e albe di grande impatto.

 

Perché visitarla?

  • Fenicotteri rosa in branco
  • Paludi, savane, laghi e fiumi
  • La più grande caldera da impatto del mondo
  • Lodge meravigliosamente annidati con viste incredibili

 

8. Parco nazionale di Tarangire, Tanzania

TRATTO DISTINTIVO: BAOBAB GIGANTI, UCCELLI E MOLTI LEONI!

parco nazionale tarangire tanzania

Il Parco Nazionale del Tarangire, in Tanzania, è un paesaggio iconico ornato da alberi di baobab, che costituisce un palcoscenico indimenticabile per i safari di lusso.

I tratti distintivi di questo incredibile parco appartengono sia alla sua flora e alla fauna!

Per quanto riguarda gli animali, nel Tarangire è facile assistere a colossali branchi di elefanti, e ai leoni (qui vive un gruppo di circa 700 leoni – circa l’8% di tutti i leoni africani!

Per quanto riguarda le piante, in questo parco si trovano enormi e scenografici alberi di Baobab che si ritiene risalgano a oltre 8000 anni fa (!!!).

Questi alberi sono anche il nido riproduttivo di più specie di uccelli di qualsiasi altra parte del pianeta Terra: tra questi, i più comuni da incontrare durante un safari sono upupe, buceri, pappagalli bruni, rullatori dal petto lilla, barbetti, uccelli topo, rondini striate, storni, rondoni, martelloni, gruccioni e pivieri (una lista molto lunga!) 🙂

Perché visitarla?

  • Baobab di 8000 anni fa
  • La più impressionante varietà di uccelli sulla Terra
  • Branchi di elefanti 
  • Tantissimi leoni!

 

9. Riserva di Selous, Tanzania

TRATTO DISTINTIVO: PARCO PIÙ GRANDE, POCA GENTE E BUONI PREZZI!

riserva di caccia del selous

Il remoto Selous (oggi parzialmente rinominato “Parco Nazionale Nyerere”) è il più grande parco più grande della Tanzania
con una superficie totale di 50.000 km2!

Il sito è stato dichiarato patrimonio dell’ UNESCO Patrimonio dell’Umanità nel1982 per la sua diversità faunistica e la sua natura indisturbata.

Alcuni dei diversi animali selvatici di questo enorme parco comprendono l’elefante africano di macchia, il rinoceronte nero del centro-sud, l’ippopotamo, il leone, il cane selvatico africano, il bufalo africano, la giraffa Masai, la zebra di pianura e il coccodrillo del Nilo.

Una nota a margine: all’interno della riserva non è permesso abitare in modo permanente, ma è facile trovare lodge moderni e lussuosi appena fuori dal confine.

Inoltre, tutti gli ingressi e le uscite degli esseri umani sono controllati dalla Wildlife Division del Ministero delle Risorse Naturali e del Turismo della Tanzania.

A causa delle rigide norme, il Selous National Park non ha mai vissuto un’ondata esplosiva di turismo e rimane oggi uno di quei luoghi perfetti per chi vuole godersi un safari da solo, lontano da altri gruppi di persone (è il parco meno visitato della Tanzania!).

Curiosità: la popolazione di giraffe del Selous è diventata così numerosa che la riserva si è guadagnata un soprannome scherzoso: “Giraffic Park“.

Perché visitarla?

  • È soprannominato “Giraffic Park” per il numero di giraffe presenti.
  • Il sito più grande e quello meno visitato della Tanzania
  • Patrimonio mondiale dell’UNESCO
  • I lodge sono più economici di altri luoghi!

 

10. Parco nazionale di Ruaha, Tanzania

parco nazionale di ruaha tanzania

Il Parco Nazionale di Ruaha, in Tanzania, è un’area di 20.000 km2 dominata dal Grande Fiume Ruaha (da cui prende il nome).

“Ruvaha” è una parola che per la tribù Hehe che vive lì, significa semplicemente “fiume”.

La particolarità di Ruaha è proprio il fiume, che scorre attraverso la Rift Valley nella parte orientale del Parco Nazionale, creando gole e pendii spettacolari fino a confluire nel fiume Rufiji nella Selous Game Reserve.

Nonostante il 10% della popolazione mondiale di leoni viva qui, questo luogo, come il precedente, rimane in qualche modo sottosviluppato e non è né conosciuto né visitato come i primi luoghi visti in questa lista.

Tutto sommato, questo offre una grande opportunità di vivere esperienze più uniche, selvagge e inesplorate.

Perché visitarla?

  • 10% dei Lions del mondo
  • Gole e pendii creati da un fiume
  • Pochi turisti

 

Conclusioni e consigli

giraffe

Ed eccoci alla fine dell’articolo!

In questo articolo abbiamo visto i 10 parchi e riserve nazionali dell’Africa orientale più suggestivi, adatti per vivere un’esperienza di safari indimenticabile nel cuore del continente nero!

Dopo una lunga ricerca, domande e dubbi, la mia scelta per preparare un viaggio a sorpresa è ricaduta sul… rullo di tamburi…durumdurumdurum…. Parco del Serengeti 😀

Ho scelto di prenotare due biglietti per il parco del Serengeti perchè fin da bambino ne ho sempre sentito parlare, mi ricordo che ne vedevo le figure sui libri…e poi adoro la canzone Toto Africa. Inoltre, Isa ha già viaggiato oltre un mese in Kenya (prima che ci conoscessimo), e per questo ho pensato di scegliere la Tanzania (per cambiare! 🙂 ).

Mancano ancora diversi mesi al nostro viaggio e tanti dettagli da organizzare, ma già non vediamo l’ora – e lei ancora non lo sa! 🙂

Per questo motivo, prima di partire, vorrei chiedervi:

  • Cosa ne pensate dell’articolo? Vi è stato utile?
  • Avete già avuto l’occasione di fare un safari in Kenya o in Tanzania?
  • Avete suggerimenti da dare derivanti dalla vostra esperienza?

Fammelo sapere nei commenti qui sotto!

Grazie per aver letto, e come sempre…

Ci vediamo nel prossimo articolo! 🙂

Per saperne di più:

 

15 Curious Fun Facts about Liverpool that will Surprise you!

15 Curious Fun Facts about Liverpool that will Surprise you!

Liverpool is a lively city and metropolitan borough located on the north-west coast of English and the capital of the English county of Merseyside, which is visited yearly by more than 1 million international tourists and 1,5 domestic visitors annually. A stunning...

10 Fun Facts about Cyprus that Will Surprise You!

10 Fun Facts about Cyprus that Will Surprise You!

Cyprus is a gorgeous island on the east side of the Mediterranean Sea, about 90km South of Turkey and 100km west of Lebanon. From a natural standpoint, the island of Cyprus is a natural marvel, overflowing with idyllic beaches, azure waters, and nature. From a...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *