Camperizzare un Van

van conversion guide

In questa pagina, abbiamo messo insieme una mega-guida con tutto ciò che serve per camperizzare ed omologare un furgone interamente fai-da-te.

La guida è integrata da oltre 40 articoli di approfondimento separati, in cui analizziamo le varie fasi di una camperizzazione e vediamo in maggior dettaglio le scelte da fare, pro e contro, montaggi, prodotti utili e molto altro ancora 🙂

Se ti interessa un articolo nello specifico, ti consigliamo di visitare la nostra “libreria del camper fai-da-te“, in cui puoi trovare una lista di tutti gli approfondimenti divisi per argomento. 

Se invece stai cercando articoli sulla vita on the road, camper e vanlife in generale, ti consigliamo di visitare la nostra pagina dedicata campervan life.

Speriamo che questi articoli vi possano essere d’aiuto per trovare il regalo giusto per la persona giusta! 😀

 

INTRODUZIONE

 

PERCHE’ CAMPERIZZARE UN FURGONE FAI-DA-TE?

Negli ultimi anni, sempre più persone stanno accarezzando l’idea di staccarsi dalla routine ed inseguire la propria libertà lanciandosi nel progetto di camperizzare un furgone.

Convertire un van in una piccola casetta su ruote interamente Fai-da-Te è un progetto sicuramente coraggioso, a tratti difficile, sicuramente divertente; è un’esperienza che ti insegna a risolvere problemi di qualunque genere, ti rende un’esperto di Fai-da-Te e, più di tutto, ti permette di dar vita alle tue idee ed al tuo camper ideale

Se anche tu, stai accarezzando la pazza idea di camperizzare un furgone Fai-da-Te, benvenuto nella community: sei nel posto giusto!

COSA TROVERAI IN QUESTA MAXI-GUIDA?

In questo lunghissimo articolo, ho raccolto tutte le informazioni ed i consigli che ti serviranno per scegliere, convertire e omologare il TUO furgone camperizzato e per adattarlo alle TUE esigenze ed alle TUE possibilità.

Al termine di ogni capitolo di questa guida, troverai inoltre degli articoli di approfondimento e/o video-guide per aiutarti a capire nei dettagli ciascuna parte del processo di camperizzazione Fai-da-Te.

CAMPERIZZARE UN VAN: CE LA PUOI FARE ANCHE TU? 

Se è la prima volta che visiti questo blog, mi presento, mi chiamo Dani 🙂

Durante una bella giornata, chiuso in casa a causa di una banale pandemia globale ed impossibilitato a viaggiare, mi sono chiesto se anche io, senza competenze pregresse, potessi camperizzare un van interamente Fai-da-Te.

E dopo essermelo domandato, ancora non ci credo, ma l’ho fatto davvero!

Non solo ci sono riuscito, ma ho anche documentato ogni singolo step con articoli, foto, e video passo a passo per aiutare chiunque voglia provarci, a trasformare un sogno in realtà!

Camperizzare un Van in Italia è possibile e se ce l’ho fatta io, sono sicuro che ce la puoi fare anche tu!

Buona lettura! 

dani lost on the route camperizzare van

QUESTO E’ ARANCINO: IL NOSTRO FURGONE CAMPERIZZATO

PRIMA DOPO

 

Crearsi il proprio Furgone Camperizzato col metodo Fai-da-te in Italia?

Si può fare!

 

Cos’è la Vanlife?

 

La Vanlife è la scelta di viaggiare vivendo in un van/furgone camperizzato (solitamente Fai-da-Te). E’ un trend abbastanza recente, esploso in America negli anni 2010, che ha preso sempre più piede ed è diventata sempre più conosciuta ed apprezzata anche in Europa ed in Italia, specialmente nel periodo post-pandemia.

 

Lo posso fare anche io?

Si può camperizzare un furgone anche qui in Italia?

 

Amando viaggiare alla follia, e ispirato da tanti (ma tanti!) video visti online di viaggiatori che decidono di cambiare vita, comprare un furgone, trasformarlo in una casetta su ruote indipendente e viaggiare il mondo, mi scappò nel 2020 la follia di chiedermi: “è possibile camperizzare legalmente un furgone anche in Italia?“.

E poi ancora: “posso farlo anche io, senza alcuna conoscenza di carpenteria, elettricità e macchine, ma con solo la mia voglia di fare ed imparare?“.

Ebbene, nel momento che mi sono saltate in mente queste domande, sapevo che dovevo provare a darci delle risposte.

Essendo bloccato in casa dai vari lockdowns (normalmente lavoravo nel turismo) e avendo quindi molto tempo a disposizione, mi sono armato di buona volontà (moltissima buona volontà!) e mi sono messo all’opera. 

Tagliando la storia breve, ho scoperto che si, lo potevo fare anche io, e che come me lo puoi fare anche tu.

Guide per Camperizzare un Furgone Fai-da-Te

 

Durante il mio percorso per trasformare un furgone VW Crafter in un camper, ho deciso di raccogliere ed ordinare meticolosamente tutte le risorse ed informazioni che possono servire per camperizzare un furgone dall’inizio alla fine.

In questa pagina, trovi Guide Complete passo-a-passo che ti aiuteranno a trasformare il tuo furgone di lavoro in un furgone camperizzato, senza lasciare nulla per scontato e con video di tutti i passaggi chiave (scopri qui il nostro canale youtube).

Spero vivamente che questi articoli possano tornare utili a chi, come me, si svegli un giorno sognando la libertà di vivere in un van fai-da-te e che, come me un tempo, non abbia neppure idea di dove cominciare a mettere le mani 😉 

 

Tutte le Guide sono Pubbliche e Gratuite

 

Tutte le guide che pubblichiamo su questo blog sono gratuite e fruibili da chiunque perchè personalmente sono un convinto sostenitore che le informazioni debbano sempre essere un bene pubblico ed accessibile da chiunque e non un bene da acquistare. Sharing is caring 😉

Detto questo, mantenere un grande blog pieno di articoli dettagliati richiede molto tempo e soprattutto dei costi a volte non così scontati.

Visto che me l’avete chiesto in molti, ho deciso di lasciare qui sotto un pulsante “Donazioni” in cui ognuno, qualora volesse, può lasciare un’offerta libera per aiutarmi a sostenere i costi del blog o semplicemente per offrirmi una birretta fresca. Grazie a tutti voi per l’affetto che ci date! 🙂

Inoltre, se gli articoli ti saranno utili, puoi anche pensare di lasciare un semplice commento di feedback o iscriverti al nostro canale youtube: per un content creator, saper di esser letti ed essere d’aiuto a qualcuno è la miglior soddisfazione!  🙂

 

Donazione Libera per Supportare Lost on the Route!

supporta lost on the route

INDICE DELLE MIGLIORI GUIDE

 

Guide Complete per CREARE UN CAMPER FAI-DA-TE

Hai deciso di lanciarti nella pazza avventura di camperizzare un furgone? Ottimo!

Hai già un furgone a disposizione? Se si, ottimo di nuovo!

Se invece ancora non ce l’hai, probabilmente la prima cosa da fare è procurartene uno!

In questo capitolo ti mostrerò brevemente i veicoli più adatti ad essere trasformati in piccoli o grandi camper fai-da-te.

Inoltre, ti aiuterò a capire le tue esigenze e a trovare il van che più ci si avvicina.

Cominciamo subito! 😀

 

 

MACCHINE E MINIVAN

MINIVAN MACCHINE

Le Macchine ed i Minivan sono i veicoli adatti per piccoli progetti di camperizzazione, per chi vuole dormire fuori solo qualche notte o per brevi viaggi “on the road”.

Di piccole dimensioni, questi veicoli possono essere parcheggiati ovunque, consumano poco e sono estremamente maneggevoli. 

I minivan hanno spazio sufficiente per un letto matrimoniale alla francese, per un angolino cottura e magari anche per un frigorifero.

Essendo tanto piccoli ovviamente, richiedono una gran quantità di fantasia e creatività per ottimizzare lo spazio al meglio.

FURGONI N1 (MERCI)

furgoni n1 da camperizzare

I Furgoni merci (categoria N1) sono la scelta più comune (e la prima che viene in mente!) per chi vuole camperizzare un van con allestimento fisso.

Completamente vuoti all’interno e disponibili in una vasta gamma di dimensioni (altezze e lunghezze per tutti i gusti), questo tipo di veicoli offre la perfetta canva bianca per creare un camper Fai-da-Te secondo i tuoi gusti.

Consumano più dei minivan e sicuramente non sono così facili da parcheggiare, ma se stai pensando a viaggi medio-lunghi o addirittura ad un periodo full-time, questi probabilmente i furgoni su cui ti conviene orientarti.

I furgoni più utilizzati sono i Mercedes Sprinter, Fiat Ducato, VW Crafter, Ford Transit, Iveco Daily, RAM Promaster. Trovi Maggiori Dettagli nell’approfondimento: Guida ai Migliori Furgoni da Camperizzare Fai-da-Te.

 

FURGONI CABINATI

furgone cabinato - camper fai da te

I Furgoni Cabinati sono un’alternativa ai tipici van commerciali.

Costruiti sullo stesso veicolo di base, i furgoni cabinati presentano appunto la “cabina”, ossia un grande spazio squadrato al posto del normale vano di carico.

Le pareti squadrate e la maggior altezza aumentano al massimo lo spazio disponibile (sempre prezioso all’interno di una piccola casetta su ruote) e semplificano la camperizzazione.

Rispetto ai veicoli commerciali però, i cabinati hanno un’aerodinamica leggermente peggiore (consumano di più) e sono un po’ meno adatti a terreni sterrati.

PULMINI M1 (MAX 9 POSTI)

pulmino sprinter

I pulmini M1 a nove posti sono i cugini dei veicoli commerciali N1, ma adibiti al trasporto di persone (nota: NON come camper!). 

Questo tipo di veicoli è solitamente interamente finestrato, e quindi adatto a chi abbia in mente un progetto molto luminoso e pieno di finestre.

Ovviamente, il risvolto negativo della medaglia, è che è ovviamente molto più difficile da isolare rispetto ad un van normale.

Questi tipo di veicolo al momento non può viaggiare in Italia ne con allestimento fisso ne con allestimento mobile (ne parliamo nel capitolo 2 sull’omologazione), e quindi ti consiglio di considerarlo solamente nel caso tu stia comunque pensando di passare attraverso un collaudo per allestimento fisso in Germania.

 

FURGONCINI VOLKSWAGEN

furgoncino volkswagen transporter combi

Il classico Furgoncino Volkswagen merita una categoria tutta sua: Kombi, Bulli, Westfalia, Pulmino VW… qualunque sia il nome che si utilizza, stiamo sempre parlando dell’iconico VW Transporter, arrivato ad oggi alla sua sesta ri-edizione.

I modelli classici sono ovviamente il VW Transporter I e II.

Piccolo, maneggevole, hippi, iconico ed incredibilmente fotogenico, il Furgoncino VW è un veicolo adatto a viaggi estivi e suggestivi.

Detto questo, c’è anche da dire che questi furgoncini, impossibili da isolare termicamente, sono estremamente costosi e si rompono dannatamente tanto (essendo tutti molto antiquati), ma si possono anche riparare con poco. 

Certamente non sono il veicolo più indicato per una camperizzazione Fai-da-Te o per viaggiare in comfort, però sicuramente sono adatti per viaggiare al centro dell’attenzione, per rivivere un sogno e immortalare scatti di altri tempi.

 

CAMION 4X4

MINIVAN MACCHINE

Un van non ti basta e vuoi fare le cose davvero in grande? Perchè non scegliere allora un camion 4×4!

Normalmente utilizzati per missioni militari o comunque in contesti speciali, questi camion sono veicoli adatti a tutti i tipi di terreno ed hanno una cabina davvero gigante in cui si può spaziare e costruirci davvero una vera casa su ruote. 

Mettere le mani su uno di questi mezzi sicuramente non è cosa facilissima e camperizzarli sicuramente richiede molto più tempo e risorse rispetto ad un van.

Nonostante ciò, ci sono persone che scelgono questo tipo di veicoli ed i risultati sono sicuramente sorprendenti. (come esempio, ti consiglio il blog di StepsOver

 

CORRIERE E SCUOLABUS

scuolabus camperizzare progetto grande

Dulcis in fundo, troviamo gli Scuolabus e le Corriere: veicoli per progetti davvero di un’altra scala!

Questo tipo di veicoli ovviamente sono molto costosi, difficili da trovare, difficili da omologare, richiedono la patente D per essere guidati e sicuramente tantissimo tempo per essere camperizzati.

Nonostante ciò, se ti piacciono le sfide ed hai abbastanza risorse a disposizione, perchè non provare a costruire una vera reggia su ruote? 😉

Questo tipo di veicoli è l’unico che offre abbastanza spazio per portarti appresso una iacuzzi…e davvero qualunque altra cosa tu possa pensare di metterci dentro!

 

COME SCEGLIERE IL VAN PIU’ ADATTO A TE?

 Scegliere il furgone, come abbiamo detto, è il primo passo per poter cominciare la tua camperizzazione.

All’inizio, specialmente se non te ne intendi di motori, può essere molto difficile districarsi nella giungla di brand e modelli e capire davvero cosa fa al caso tuo.

Dato che ci sono passato anche io, ed ho speso tantissimo tempo per orientarmi, qui di seguito ti voglio lasciare alcuni spunti di riflessione che penso ti potranno aiutare a schiarirti le idee 🙂 

CAPIRE LE TUE ESIGENZE – CHE COSA STAI CERCANDO?

 

  • Qual’è la tua Intenzione d’Uso del Furgone? Cerchi un veicolo per brevi weekend, per viaggi on the road o per un’esperienza full-time? Di che conforts hai bisogno? Pianifichi di viaggiare su strade sterrate?

L’uso che intendi fare del tuo furgone ovviamente ti guiderà nella scelta di un veicolo più o meno grande. Ovviamente più grande significa più spazioso, ma allo stesso tempo anche più costoso e lungo da camperizzare.

  • Qual’è il Budget a tua Disposizione? Quanto ti costa il veicolo? E quanto ti costa convertirlo in Camper?

Prima di lanciarti in un progetto di camperizzazione Fai-da-Te, assicurati di mettere per bene nero su bianco il tuo progetto e di definire e distribuire chiaramente il budget a disposizione. Comprare il veicolo sicuramente è una delle spese maggiori nel crearsi un Camper Fai-da-Te, ma non sottovalutare il costo della conversione che solitamente raggiunge almeno 1/3 del costo del veicolo (e nel caso di una camperizzazione più “premium” può costare anche quanto il veicolo stesso!).

  • Di che Altezza e Lunghezza hai bisogno per l’allestimento che hai in mente?

Ogni modello di furgone commerciale viene prodotto in varie altezze (H1, H2, H3) e lunghezze (L1, L2, L3). Per capire quale modello può complementare al meglio le tue esigenze è importante capire fin dall’inizio l’allestimento che hai in mente: letto? Tavolo? Bagno si o no? Doccia si o Doccia no? Ti serve un Frigo? Riscaldamento? Quanto spazio di stivaggio ti serve? Prendi un metro in mano e pensa a tutto! Se ti può aiutare, disegna un contorno per terra e prova a muoverti per capire davvero gli spazi di cui hai bisogno (a me ha aiutato!).

  • Stai cercando un veicolo usato. Quanti Kilometri sono troppi? Quanti anni dovrebbe avere un buon usato? La certificazione ambientale è importante?

Più vecchio e usato è un veicolo, meno costerà ma anche più alta sarà la probabilità di avere problemi di affidabilità in futuro. I principali veicoli commerciali sono costruiti per durare oltre i 300mila km, e se tenuti bene possono arrivare tranquillamente oltre i 500mila (ci sono casi in cui alcuni sono arrivati anche ad un milione!). Personalmente, ti consiglio di cercare van usati con al massimo 150mila km, meglio se sotto i 100mila e con una certificazione Euro 5 o superiore (per evitare forti limitazioni alla circolazione in futuro, specialmente in Europa). Ovviamente, a seconda del tuo budget potrebbe essere necessario fare dei compromessi su questi valori.

  • Quali veicoli sono disponibili intorno a te? Come pianifichi di usare il van che troverai a lungo termine?

Per trovare un veicolo da trasformare ad un prezzo più vantaggioso, è importante farsi un’idea dei veicoli disponibili intorno a te: più veicoli di uno specifico tipo ci sono, e più il prezzo normalmente è vantaggioso. Se invece pianifichi di comprare un mezzo dall’estero, ricordati di considerare il costo del carburante per portarlo in Italia ed il costo di nazionalizzarlo. Alla fine, non c’è un prezzo “giusto” per un van da convertire, ma tutto dipende da cosa intendi farne nel lungo termine: viaggiarci per anni? Piccole scappate nel weekend? Viaggi in Famiglia? Considera tutto e poi fai la tua scelta 🙂

 

LEGGI: APPROFONDIMENTO 1

vw crafter template wheel

COME SCEGLIERE IL VAN MIGLIORE PER TE

Scopri tutte le domande da farsi e le cose da considerare nella scelta di un furgone e tutti i consigli per fare una buona scelta.

Se ancora non ti senti sicuro di cosa stai cercando o vorresti avere degli spunti di riflessione più dettagliati, ti consiglio di leggere l’articolo di approfondimento qui a fianco.

Indice dell’Articolo

CONOSCERE I FURGONI SUL MERCATO

1. Tipi di Furgoni Adatti alla Camperizzazione

PENSARE PRIMA DI CERCARE

2. Tutte le Cose che Devi Considerare

3. Caratteristiche dei Furgoni Usati: Come Cercare?

LA RICERCA ONLINE

4. Dove Cercare Furgoni Usati Online (Italia e Germania)

5. Consigli Pratici per Fare un buon Acquisto

I MIGLIORI FURGONI DA CAMPERIZZARE FAI-DA-TE

Nella scelta del veicolo, ci sono vari parametri di cui potresti (e dovresti) voler tener conto.

Tra questi ovviamente ci sono:

  • Dimensioni del Vano di Carico (Altezza, Lunghezza e Larghezza)
  • Curvatura delle Pareti Interne
  • Dotazioni Extra già Presenti (antifurto, finestre, smartradio, antenna etc.)
  • Efficienza e Consumi
  • Longevità e Disponibilità di Parti di Ricambio
  • Guidabilità e Comodità dell’abitacolo
  • Prezzo e Convenienza

Analizzare tutti questi parametri per ciascun modello di furgone che vuoi tenere in considerazione sicuramente richiede molto tempo e sforzo…oppure no?

Per tua fortuna, ora non più! Nell’approfondimento qui di seguito infatti, ho raccolto per te tutte le dimensioni interne ed esterne, tutti i pro e tutti i contro di ciascun tipo di van e minivan camperizzabile. Ho pensato che, visto che comunque avevo fatto un gran lavoro di ricerca al momento della scelta del mio VW Crafter, fosse un peccato non condividerlo 🙂

LEGGI: APPROFONDIMENTO 2

i migliori furgoni da camperizzare

I MIGLIORI FURGONI DA CAMPERIZZARE FAI-DA-TE

Scopri tutti i furgoni più usati per le camperizzazioni Fai-da-Te, con tutte le Dimensioni, i Vantaggi e gli Svantaggi.

In questo articolo di approfondimento vediamo nei dettagli tutte le dimensioni interne ed esterne e tutti i pro e contro di vari modelli di furgoni da camperizzare.

Nello specifico, l’articolo tratta nei dettagli:

  • Migliori Furgoni di Taglia Grande: Mercedes Sprinter, Volkswagen Crafter, Man TGE, Iveco Daily, Fiat Ducato, Peugeot Boxer, Ford Transit, Nissan NV400, Renault Master, Opel Movano, RAM Promaster

NOTA IMPORTANTE!

Una volta che avrai individuato il modello di furgone giusto per la tua conversione Fai-da-Te, prima di procedere con l’acquisto ti consiglio di leggere il prossimo capitolo sull’omologazione: al momento infatti, in Italia la legge non è proprio accomodante con i furgoni camperizzati, ed a seconda del tipo di allestimento che hai in mente, potresti aver bisogno di utilizzare qualche stratagemma burocratico, magari anche in fase di acquisto.

CHE COSA SI INTENDE PER “OMOLOGARE UN VAN”?

Quando si cambia la destinazione d’uso di un veicolo, ossia lo si trasforma e lo si adibisce permanentemente ad un altro uso rispetto a quello scritto nel libretto di circolazione (es. come nel convertire un furgone merci in un camper), questo veicolo deve essere “omologato” (o “portato a collaudo”).

Il processo di omologazione/collaudo serve per poter verificare che i cambiamenti e le installazioni fatte sul veicolo siano a norma, sicure, e sufficienti per cambiare la destinazione d’uso del veicolo. 

Quando un veicolo passa un collaudo/omologazione, i cambiamenti effettuati vengono certificati, la nuova destinazione d’uso viene iscritta sul libretto di circolazione e si può quindi targare e circolare legalmente con il nuovo mezzo convertito.

Nel caso dell’omologazione di un van camperizzato, “omologare” si tratta di convertire un furgone di categoria N1 (trasporto persone) a M1 (trasporto merci) con destinazione e dicitura “Caravan”.

omologare un furgone camperizzato da n1 a m1 in italia

QUANDO SERVE OMOLOGARE UN FURGONE CAMPERIZZATO?

Un furgone camperizzato con un allestimento fisso non amovibile (isolamento, pareti/perline fisse, pavimento, soffitto, mobili fissati saldamente, impianto elettrico fisso, etc.) , deve necessariamente essere omologato per poter viaggiare legalmente.

Non omologare il proprio veicolo, può portare a ingenti multe, problemi con l’assicurazione in caso di incidente e ovviamente la bocciatura del veicolo in fase di revisione. 

Non è invece necessario omologare un veicolo qualora sia camperizzato con allestimento mobile, ossia con mobili e accessori che possono facilmente essere rimossi in un tempo ragionevole (maggiori dettagli in seguito).

SI PUO’ OMOLOGARE UN FURGONE CAMPERIZZATO IN ITALIA?

La risposta è: Ni.

Si può, ma davvero è una rottura di c… impresa burocratica 😉 

Mi spiego meglio. In Italia al momento è al momento praticamente impossibile omologare un veicolo camperizzato Fai-da-Te (trovi più dettagli nell’approfondimento al termine del capitolo).

Nonostante ciò, ci sono quattro possibili vie per aggirare il problema e viaggiare legalmente con un furgone camperizzato in Italia. Queste sono:

Quattro modi per viaggiare in regola con un furgone camperizzato in Italia

 

1) Acquistare un veicolo già camperizzato (omologato camper/caravan), svuotarlo e ricamperizzarlo a piacimento (rispettando eventuali specifiche tecniche, qualora queste siano iscritte a libretto in “annotazioni speciali).

 

2) Creare un allestimento mobile (niente modifiche permanenti, tutto l’allestimento fissato con cinghie ed incastri). In questo caso, tecnicamente tu staresti trasportando dei mobili con un furgone merci, quindi viaggiare sarebbe totalmente legale.

 

3) Comprare il veicolo in Germania, assicurarlo e targarlo con una targa export con banda rossa tedesca, camperizzarlo prima che scada la targa, tornare in Germania a omologarlo con il Tuv/Dekra e quindi tornare a nazionalizzarlo in Italia

 

4) Affidarsi ad un’agenzia specializzata (es. NonSoloCamper.it, Omologare.it etc.) che radierà il veicolo dall’iscrizione Italiana, te lo re-immatricola in Germania, certifica e re-immatricola in Italia. Qui ovviamente il costo aumenta (2000-4000euro), ma ti tolgono il pensiero di farti tutta la trafila.

Nonostante l’Italia non sia legislativamente pronta al fenomeno dei camper Fai-da-Te, come abbiamo visto, ci sono dei modi per aggirare legalmente la legge

In questo articolo non entrerò nei dettagli di ciascuna delle quattro vie in quanto l’omologazione non è il punto principale di questo articolo, però ti lascio qui sotto due articoli di approfondimento molto più dettagliati che possono aiutarti a capire le dinamiche burocratiche per omologare un van camperizzato e come affrontarle.

LEGGI: APPROFONDIMENTO 3

burocrazia italiana per omologare un furgone

GUIDA: COME OMOLOGARE UN FURGONE IN ITALIA

Una Guida Passo-a-Passo a tutte le maniere di ottenere l’omologazione per il proprio furgone camperizzato in Italia.

La burocrazia dell’omologazione ti sta scoraggiando ancora prima di cominciare? So anche io come ci si sente, ma non temere!

Con questo articolo di approfondimento vediamo insieme nei dettagli tutto quello che c’è da sapere sull’omologazione in Italia ed in Germania. Non dico che la procedura sia sempre breve o facile, ma con le informazioni giuste sono sicuro che potrai salvare molto del tuo tempo per concentrarti di più sulla conversione del tuo progetto 🙂

Indice dell’Articolo

1. Come Funziona l’Omologazione in Italia

2. Due Modi di Aggirare (Legalmente) le Regole in Italia

3. Omologare Passando dalla Germania

4. Omologazione appoggiarsi ad Aziende Specializzate 

LEGGI: APPROFONDIMENTO 4

targa italiana furgone camperizzato in italia

COME NAZIONALIZZARE UN FURGONE CAMPERIZZATO

Guida pratica all’omologazione TUV in Germania (con contatto!) e alla nazionalizzazione in Italia.

Se hai scelto di acquistare un veicolo tedesco, camperizzarlo con allestimento fisso e omologarlo a camper in Germania prima di nazionalizzarlo, questo articolo è per te!

In questo articolo ti racconto la mia esperienza e ti spiego passo a passo tutte le carte e pratiche burocratiche necessarie per sbrigare ogni passaggio.

Indice dell’Articolo

1. Premessa: Allestimento Fisso e Veicolo Tedesco

2. Collaudare in Germania: Con chi, dove e come?

3. Nazionalizzare in Italia (pt.1) : l’Agenzia delle Entrate

4. Nazionalizzare in Italia (pt. 2) : la Motorizzazione

5. Consigli Utili e Conclusione 

Una volta che ti sarai procurato il veicolo più adatto al tuo progetto e definito per bene quale strada vorrai percorrere per omologarlo e poterlo guidare legalmente, è finalmente giunto il momento più divertente: camperizzarlo Fai-da-Te!

Dal prossimo capitolo in poi, ti spiegherò passo a passo come camperizzare un furgone dall’inizio alla fine 😀 Andiamo!

Una delle prime cose da fare in un progetto di camperizzazione, è verificare di avere le finestre necessarie per il tuo progetto e, qualora così non fosse, tagliare dei buchi e installarne di nuove.

Tagliare ed installare delle finestre nel tuo furgone nuovo, può sembrare qualcosa di pericoloso e difficile. Dopo averlo fatto però (senza alcuna esperienza pregressa), posso dirti che non è così impossibile come sembra (anzi!) e che con un po’ di attenzione e gli strumenti giusti ce la può fare chiunque abbia un minimo di dimestichezza con il Fai-da-Te.

A COSA SERVONO LE FINESTRE: VENTILAZIONE E CONTROLLO DELLA TEMPERATURA

Le finestre di un camper, oltre che ovviamente essere utili per potere ammirare il panorama circostante anche stando dentro la tua casetta su ruote, svolgono un ruolo essenziale nel mantenimento dell’umidità, della temperatura e della ventilazione corretta.

Qui di seguito vediamo insieme i principali vantaggi di avere delle finestre nei posti giusti:

finestra van con caffè

LUCE E VISTA VERSO L’ESTERNO

Ogni finestra di un van è sicuramente una vista in più sul mondo esterno. Inoltre, avere luce naturale all’interno dell’abitacolo abitativo, indubbiamente aiuta il nostro corpo a mantenere un ritmo biologico naturale.

finestre van camperizzato montate interamente fai da te

VENTILAZIONE

In combinazione con una ventola da soffitto, una finestra apribile posizionata strategicamente aiuta a creare un piacevole flusso d’aria fresca all’interno del van, a rimuovere gli odori della cucina, la concentrazione di monossido di carbonio e l’aria viziata.

finestre per evitare umidità

CONTROLLO DELL’UMIDITA’

Oltre a rimuovere l’aria viziata e cambiarla con aria fresca, una finestra è uno degli accessori essenziali (insieme alla ventola da soffitto ed il riscaldamento) per rimuovere l’umidità dall’interno del van ed evitare che si crei della condensa (che a lungo andare potrebbe portare a problemi di muffa e/o ruggine).

controllo temperatura con finestre aperte

CONTROLLO DELLA TEMPERATURA

In assenza di una ventola da soffitto o un climatizzatore, una finestra è la soluzione migliore per controllare la temperatura interna di un van. Infatti, con una finestra potrai raffreddare (d’inverno) o riscaldare (d’estate) l’abitacolo abitativo all’occorrenza, senza dispendio di energia.

CHE TIPI DI FINESTRE PER CAMPER ESISTONO?

La maggior parte delle finestre per camper sono disegnate specificatamente per un certo modello di furgone: per esempio, delle finestre disegnate per le portiere di un VW Crafter o un Mercedes Sprinter, difficilmente potranno andar bene su un Fiat Ducato; esattamente come quelle di un Fiat Ducato probabilmente non andranno bene per un Ford Transit etc.

Messo in chiaro questo, i TIPI di finestre che si trovano in commercio per furgoni camperizzati generalmente sono sempre dei seguenti tipi: 

finestra camper porta laterale

FINESTRA PORTA SCORREVOLE

Finestre apribili per la porta scorrevole su misura, ciascuna marca/modello di veicolo richiede una finestra con forma apposita.

finestre posteriori barn doors -come camperizzare un furgone

FINESTRE PORTE POSTERIORI

Finestre non apribili per le poste posteriori. Come per le precedenti, ogni modello di veicolo richiede finestre specifiche.

finestra camper a compasso

FINESTRE A COMPASSO

Finestre generiche adatte ad ogni tipo di veicolo. L’apertura a compasso permette di tenerle aperte anche in caso di pioggia.

finestre scorrevoli camper

FINESTRE SCORREVOLI

Finestre generiche a scorrimento, adatte ad ogni tipo di veicolo. Ideali nella zona letto o cucina, per avere un vista sull’esterno.

lucernario finestra camper 2

LUCERNARI A SOFFITTO

Più difficili da installare ma sicuramente di grande effetto. Ideali per camperizzazioni “stealth” e per non dare nell’occhio.

DI QUANTE FINESTRE HAI BISOGNO NEL TUO CAMPERVAN?

Il numero di finestre che vorrai installare sul tuo van dipende molto dalle tue preferenze: avere delle finestre in più sicuramente ha dei vantaggi (ventilazione, controllo umidità, vista, luce naturale etc.), ma ovviamente come vedremo in seguito, troppe finestre rendono il veicolo difficile da coibentare termicamente e quindi meno adatto alle temperature estreme.

Personalmente, ti vorrei dare questi spunti di riflessione:

  • Se devi scegliere, è preferibile una finestra laterale apribile sulla porta scorrevole, piuttosto che le finestre sui portelloni posteriori (nonostante queste siano molto estetiche e nell’immaginario comune ci sia l’idea di svegliarsi guardando fuori, sono davvero poche le volte in cui lo si fa davvero, di solito si finisce per oscurarle)
  • Se costruirai un bagno/doccia, installa una piccola finestrella nel bagno (noi ce la siamo dimenticata ed è forse la cosa che se tornassimo indietro di più cambieremmo – aiuta a controllare l’umidità)
  • Non dimenticarti di considerare la posizione della ventola da soffitto (se ne installerai una – superconsigliato): una finestra dovrebbe essere collocata nella parte opposta del van per creare un buon flusso d’aria

DOVE TROVARE FINESTRE PER IL TUO CAMPER FAI DA TE?

finestre finite

Cercando su internet si possono trovare davvero finestre di ogni tipo e per ogni veicolo.

Qui di seguito ti voglio lasciare dei link ad ottimi siti dove trovare finestre per camper (che ho utilizzato anche io) e quelli che reputo le migliori finestre di ogni tipologia:

Finestre per VW Transporter, VW Crafter, Mercedes Sprinter, Opel Vivaro

Finestre per Fiat Ducato

Migliori Finestre a Scorrimento

Migliori Finestre a Compasso

Migliori Lucernari per Camper 

Finestre Generiche per Camper

Una volta che ti sarai procurato le finestre giuste per te, sarà il momento di installarle.

Per sapere come fare, ho scritto una guida dettagliata passo a passo che trovi qui sotto nell’approfondimento 5 🙂

LEGGI: APPROFONDIMENTO 5

montare finestre furgone camperizzato fai da te

COME INSTALLARE FINESTRE FAI-DA-TE IN UN VAN DA CAMPERIZZARE

Scopri tutti i passaggi per aggiungere delle finestre sul tuo furgone: taglio, incollaggio, rifiniture e accorgimenti per fare un lavoro perfetto.

Se non hai mai neppure pensato che ti saresti trovato ad installare delle finestre Fai-da-Te su un veicolo e non hai idea di dove mettere le mani: non temere, questo è l’articolo per te!

In questo articolo, troverai una guida dettagliata (con foto e video) con tutte le informazioni che ti servono per installare delle nuove finestre sul tuo Camper Fai-da-Te!

Indice dell’Articolo

1. Strumenti di cui Avrai Bisogno

2. Acquistare le Finestre Giuste per il Tuo Veicolo

3. Tagliare il Buco per le Finestre del Tuo Furgone

4. Preparare l’area di Taglio prima di Applicare le Finestre

5. Incollare le Finestre: Primer, Colla per Cristalli e Scotch

6. Conclusione e Consigli Pratici

 

Una volta che avrai aggiunto al tuo furgone camperizzato tutte le finestre necessarie per realizzare il progetto cha hai in mente, sarà il momento di pianificare nei dettagli il layout del tuo van.

Come fare, lo vediamo nel prossimo capitolo 🙂 

Prima di cominciare a costruire qualunque cosa, è importante pensare, sognare, e mettere nero su bianco il progetto che hai in testa e gli elementi che vorrai inserire nel tuo Camper Fai-da-Te. In fondo, un layout ben definito sarà la tua stella polare durante tutto il processo di conversione e visualizzare l’obiettivo finale ti aiuterà a pianificare i passi da seguire.

Ovviamente i dettagli del tuo progetto cambieranno decine (o centinaia!) di volte durante il processo di camperizzazione (in base ai prodotti che troverai, i problemi che incontrerai, le soluzioni e le idee che ti verranno durante il cammino etc.), ma per il momento l’importante è creare almeno una mappatura generale del tuo sogno su ruote 😉

In questo capitolo, spero troverai degli spunti di riflessione ed ispirazione per creare il TUO personalissimo progetto di furgone camperizzato.

DISEGNARE IL LAYOUT GIUSTO PER TE: GLI ELEMENTI ESSENZIALI E OPZIONALI DA CONSIDERARE

COSE DA SAPERE prima di camperizzare un furgone

A seconda del tuo veicolo (taglia piccola, media o grande), del tuo budget, e della magnitudine della tua idea di camperizzazione (low-cost spartana, standard, premium, luxury) probabilmente starai considerando di inserire nel tuo Camper Fai-da-Te più o meno elementi.

In questa sezione, facciamo una lista degli elementi, impianti ed accessori che probabilmente dovresti considerare al momento di disegnare la composizione interna del tuo allestimento.

Elementi Essenziali (il minimo indispensabile)

Senza questi quattro elementi, non staremmo neppure parlando di camperizzazione: sono la base essenziale di ogni casetta su ruote.

  • Letto: un posto dove dormire è la prima cosa a cui pensare in qualunque veicolo camperizzato!
  • Fornello: non deve necessariamente essere una cucina (può esserlo!), ma almeno un piccolo fornelletto a gas portatile è qualcosa che non può mancare in qualunque progetto di camperizzazione!
  • Tavolo: un posto dove potersi appoggiare per mangiare
  • Spazio di Stivaggio: posto dove caricare i propri vestiti e i propri bagagli di viaggio

 

Elementi Opzionali Basic (presenti in quasi ogni “camper”)

  • Frigo
  • Isolamento Termico
  • Tanica/Serbatoio Acque Chiare
  • Tanica/Serbatoio Acque Grigie
  • Batterie e Sistemi di Ricarica
  • Impianto Elettrico 12V DC
  • Ventola da Soffitto

Elementi Opzionali Premium (per i progetti più ambiziosi)

  • WC/Bagno
  • Doccia
  • Lavello e Impianto Idrico
  • Piano Cucina
  • Pensili
  • Inverter e Impianto Elettrico 230C AC
  • Pannelli Solari
  • Sistema di Riscaldamento
  • Sedili Girevoli
  • etc.

In tutto quest’articolo tratteremo nei dettagli tutti questi punti (e molti altri!). Al momento, per aiutarti a disegnare il layout del tuo van, ti consiglio di cominciare già a pensare quali elementi vorresti includere nel tuo progetto, prenderne le misure e verificare che nella tua disposizione ideale ci stia tutto. 

In questa fase non serve avere un disegno per forza al centimetro, però è importante essere sicuri che tutto vada al suo posto: meglio calcolarlo ora in cui il tuo furgone è ancora una canva bianca, piuttosto che scoprirlo quando ormai sarà troppo tardi per modificare il progetto!  

SOFTWARES PER IL DISEGNO 3D

Carta, Penna e la Pazienza possono sicuramente portarti ovunque.

Detto questo, quando il progetto per camperizzare il tuo furgone comincia ad essere un po’ più grande ed ambizioso, possono anche portarti alla pazzia e costarti molto tempo prezioso!

Per fortuna, viviamo in un’era in cui la tecnologia può venirci in soccorso ed aiutarci a pianificare al millimetro tutto il nostro allestimento (ed a modificarlo in corsa quando necessario, con facilità!).

Qui di seguito ti voglio mostrare due programmi che ti possono aiutare a pianificare gli allestimenti più complessi:

rhinoceros softwared creare progetti 3d - van conversion italia

Rhinoceros

Un programma di elaborazione e disegno 2D e 3D molto avanzato. Ci vuole un po’ di tempo a capire come usarlo, però il motore rendering è fortissimo ed è possibile costruire qualunque cosa in 3D con precisione millimetrica. I prezzi della licenza sono molto alti, ma in internet si trovano anche versioni gratuite del programma da scaricare.

Vedi Sito

Rhinoceros

Un Tool per principianti ed Open Source per la modellazione 3D. Tra tutti i programmi di questo genere, SketchUp è probabilmente quello più semplice da imparare ed utilizzare partendo senza nessuna base di CAD. L’uso di Sketchup è gratuito per progetti personali,  basta iscriversi e cominciare a lavorare.

Vedi Sito

ALLESTIMENTO MOBILE O ALLESTIMENTO FISSO?

Prima di cominciare a pensare a tutto il layout: dove mettere il bagno, quanto grande deve essere il letto, gli spessori di pareti e isolamento etc. etc. etc… è importante prima di tutto sistemare l’elefante nell’armadio: allestimento mobile o allestimento fisso? 

Creare un allestimento mobile costa generalmente meno, ma richiede un grande livello di creatività e fantasia per bloccare tutto. Il più grande vantaggio di un allestimento di questo genere, è che non richiede di passare tutto il processo di omologazione (si risparmia tempo e denaro!). Lo svantaggio: in alcune scelte, non potendo fissare saldamente, si è più limitati. In un allestimento mobile infatti, quasi tutto dovrà essere fissato ad incastro e con cinghie, in modo da poter essere rimosso in un tempo ragionevole (un paio d’ore al massimo).

Creare un allestimento fisso invece, permette maggiore flessibilità e creatività nella fase di design del layout, in quanto ci sono meno “paletti” e tutto può essere comunuque fissato saldamente al corpo del van con colla e viti. Importante in questo caso, è verificare con l’ispettore tedesco che procederà a collaudare il veicolo, che tutte le loro linee guida (specialmente relative alla sicurezza) vengano rispettate (se sai già dove omologherai il furgone, il mio consiglio è di prendere i contatti per tempo per assicurarti di rispettare tutte le direttive in fase di costruzione!). 

A seconda del tipo di allestimento che sceglierai, va da se che dovrai pensare il tuo allestimento in maniera diversa. In questa sezione spero di averti dato degli spunti su cui riflettere; quando sarai pronto per proseguire, cominciamo ora a parlare della camperizzazione vera e propria 🙂

PERCHE’ UNA BUONA AREAZIONE IN CAMPER E’ ESSENZIALE?

Rendere un ambiente ridotto (come l’interno di un camper) vivibile e godibile per lunghi periodi, richiede necessariamente alcuni accorgimenti. Uno dei principali, senza ombra di dubbio, è una buona areazione!

Tenere la nostra piccola casa su ruote ventilata infatti, è importante per vari motivi:

  • eliminare l’umidità e prevenire la formazione di condensa (il nemico numero uno di un veicolo in lamiera!)

  • eliminare gli odori e l’aria viziata

  • portare aria fresca e creare una piacevole corrente d’aria nei mesi estivi 

Per ventilare il tuo van, ci sono diverse soluzioni, più o meno efficaci e più o meno economiche.

L’installazione delle finestre, l’abbiamo già vista. Adesso vediamo le altre insieme, una per una!

DEFLETTORI PER VENTO/PIOGGIA (SCELTA BUDGET)

deflettori per il vento pioggia camperizza un furgone guida completa

I deflettori sono degli accessori che si fissano direttamente sopra le finestre del veicolo, e che ne permettono l’apertura parziale riparandole dalla pioggia e dal vento.

Semplici da installare, non richiedono manutenzione ne corrente, ma contribuiscono solidamente ad evitare la formazione di condensa nella cella abitativa (ed a mascherare una leggera apertura delle finestre durante la notte).

Vedi Modelli:

Deflettori per Mercedes Sprinter/Crafter

Deflettori per Fiat Ducato/Boxer

Deflettori per Ford Transit

 

PRESE D’ARIA (SOLUZIONE LOW-COST PERMANENTE)

presa d'aria areazione van camper fai da te

Le prese d’aria (o grigliette di ventilazione) sono delle soluzioni (davvero molto economiche) da installare sulle pareti del tuo furgone, che lasciano passare l’aria sia verso l’interno che verso l’esterno.

E’ importante notare che, essendo delle soluzioni permanenti, delle grigliette troppo grandi potrebbero compromettere la coibentazione del tuo van (se hai deciso di isolarlo termicamente!). 

Normalmente, le prese d’aria sono anti-pioggia e provviste di zanzariera interna per evitare che gli insetti si intrufolino all’interno del tuo veicolo.

Io ne ho installata una di 7cm di diametro vicino al mio WC che, insieme ad una ventolina a 12V, mi aiuta ad eliminare gli odori 24h su 24.

Se ti interessa sapere come installare una presa d’aria nel tuo van, ti consiglio di leggere l’articolo Fori d’Ingresso per i Servizi del tuo Van Camperizzato – coming soon-.

Presa d’Aria (Esempio)

 

OBLO’ MANUALE SUL SOFFITTO

oblo da soffitto camperizzare un furgone

Ci sono situazioni in cui aprire una finestra non sempre è comodo o possibile: magari il luogo per il parcheggio non è tranquillo (tipo in una città/paese), magari non è sicuro, o magari semplicemente vogliamo celare la nostra presenza e non dare l’idea di pernottare in un determinato luogo.

In tutti questi casi, un oblò da tetto può essere una soluzione economica per mantenere una buona areazione all’interno del veicolo senza dare nell’occhio

Vedi i Migliori Oblò da Soffitto:

Fiamma Vent Oblò (Low-Cost di Qualità)

Dometic Mini Heki (con Tenda Oscurante)

Dometic Heki 2 (Luxurury

 

VENTOLA ELETTRICA DA SOFFITTO

maxxfan deluxe ventola

Le ventole da soffitto sono la soluzione costosa, ma anche la più efficacie e gettonata per arieggiare furgoni camperizzati di grandi dimensioni. 

A seconda del modello, queste ventole da soffitto possono avere diversi livelli di potenza, succhiare l’aria esterna all’interno del van o invertire il flusso portando l’aria viziata verso l’esterno, avere un tettuccio che ne permette l’uso anche durante la pioggia, essere controllate tramite telecomando etc…

Migliori Ventole da Soffitto:

Fiamma Turbovent (Budget)

Fan-Tastic Fan

Maxxfan Deluxe (scelta premium, consigliata!)

 

LEGGI: APPROFONDIMENTO 6

guida per connettere cavi elettrici furg

CAMPERIZZARE UN VAN: COME CONNETTERE I CAVI ELETTRICI SENZA SBAGLIARE

In questa guida troverai tutto ciò che ti serve sapere per montare una Ventola Maxxfan Deluxe sul tetto del Tuo Furgone.

Installare una ventola da Soffitto Fai-da-Te è sicuramente uno delle parti più stressanti di camperizzare un furgone: alla fine bisogna tagliare un buco nel tetto del tuo nuovo veicolo!

Non temere però, in questo approfondimento troverai una guida (con foto e video!) passo a passo che ti aiuterà a realizzare questo piccolo-grande passo nel percorso di camperizzazione del tuo sogno! 🙂

Indice dell’Articolo

1. Scegliere la Ventola Adatta alle tue Esigenze

2. Strumenti di cui Avrai Bisogno

3. Tagliare il Buco per la Ventola

4. Installare una Ventola Maxxfan Deluxe Passo a Passo

5. Conclusione e Passi Successivi

L’impianto elettrico di un furgone camperizzato è probabilmente uno dei progetti più complicati da realizzare Fai-da-Te se non si hanno conoscenze pregresse in materia di elettricità e qualcosa che spaventa molti.

Premesso questo, se non ti spaventa imparare, in questa sezione e nelle Maxi-Guide di approfondimento troverai tutte le informazioni necessarie per cablare l’impianto elettrico del tuo camper su misura per te ed in totale sicurezza.

Io l’ho fatto partendo da zero, ci ho sbattuto la testa, ho chiesto e richiesto informazioni quando incerto, ed ho scritto queste guide per risparmiarti giornate di ricerca e dubbi esistenziali 🙂 Cominciamo!

LE BATTERIE: CAPIRE LE TUE ESIGENZE

Batterie Yabomax Lifepo4 100ah installate

Le batterie servizi di un furgone camperizzato sono il cuore di tutto l’impianto e ciò che alimenterà tutto i tuoi apparati elettrici.

Le batterie possono essere di 4 tipi diversi:

  • Piombo-Acido (fragili, poco longeve, possono esplodere: sconsigliate)
  • GEL (buone per climi estremi, ma poco longeve)
  • AGM (la soluzione per risparmiare, abbastanza ingombranti, mediamente longeve)
  • LITIO LifePo4 a Ciclo Profondo (le migliori batterie disponibili al momento, interamente sfruttabili, longeve, ovviamente con costo più alto)

Normalmente, tutte le batterie servizi per camper lavorano con una corrente diretta a 12V. La capacità delle batterie invece, viene misurata in Ah (Ampere/Ora).

Per le batterie al GEL e AGM, è consigliato di utilizzare solamente metà degli ampere/ora nominali (quindi se la batteria è da 100ah, è possibile utilizzarne solamente 50ah), pena la perdita di longevità della batteria. Le batterie al litio LifePO4 invece, possono essere svuotate tranquillamente fino ad un 90% percento della capacità nominale, senza rischiare di rovinarle.

Di quanti AH hai bisogno per soddisfare le tue esigenze?

Il primo passo creare un’impianto elettrico adeguato al tuo progetto di camperizzazione e su misura per te, è capire che apparati elettrici andrai ad installare ed ipotizzarne un’utilizzo diario medio (in minuti o ore). Per fare ciò, nella Maxi-Guida all’Impianto Elettrico con Schema (approfondimento), trovi una guida completa alle batterie ed una tabella Excel che ti aiuterà a capire nei dettagli di quale capacità di batterie hai bisogno.

Una volta che avrai capito di quanti AH di batterie hai bisogno, sarà il momento di passare a costruire i vari circuiti dell’impianto elettrico: di ricarica (per caricare le batterie) e di consumo (per alimentare i tuoi apparati).

SISTEMI DI RICARICA: SOLARE, ALTERNATORE E COLONNINA

sistemi di ricarica batterie di un furgone camperizzato

Per ricaricare le batterie di un furgone camperizzato, esistono sostanzialmente 3 metodi: 

  • Con l’Energia Solare (raccolta dai pannelli solari sul tetto del van, questa può essere trasformata in corrente continua a 12V da un Regolatore di Carica e quindi trasferita alle batterie)

  • Con L’Energia Cinetica (creata dal motore che mette in movimento il veicolo, recuparata dall’alternatore e trasmessa alle batterie servizi da un Caricatore Battery-2-Battery o un Isolatore

  • Con l’Energia della Rete (si assorbe l’elettricità a 220V da una colonnina, un Caricabatterie la converte in elettricità a 12V e la trasmette al banco batterie) a

A seconda del tuo progetto, e dell’uso che intendi fare del tuo van camperizzato, dovrai perciò scegliere quali metodi di ricarica installare: se uno, due oppure tutti e tre. Ovviamente, ogni metodo di ricarica che installerai è un’opportunità in più per poter ricaricare le tue batterie!

La ricarica da colonnina è comoda se pianifichi di viaggiare molto nei campings, i pannelli solari sono comodi se pianifichi di spendere molto tempo in sosta libera, mentre la ricarica dall’alternatore è molto comoda per dei roadtrips o comunque degli itinerari in cui si guida molto.

Se ti interessa conoscere nei dettagli ogni circuito di ricarica e le sue componenti, ti consiglio ancora una volta di riferirti all’articolo Maxi-Guida con Schema dell’Impianto Elettrico (è davvero una MAXI-Guida 😉 ).

LEGGI: APPROFONDIMENTO 7

scegliere e installare pannelli solari per il tuo camper fai-da-te van

COME SCEGLIERE ED INSTALLARE I PANNELLI SOLARI SUL TUO VAN

Di quanti pannelli solari hai bisogno sul tuo van? Mono o policristallino? Come fissarli sul tetto del tuo furgone camperizzato? Qui troverai risposte a tutte le tue domande!

Negli ultimi anni la tecnologia solare ha fatto passi da gigante ed i pannelli solari diventano ogni anno più leggeri e performanti. 

In questo approfondimento, trovi una guida completa alla scelta, installazione e cablaggio di pannelli solari per un furgone camperizzato (con foto e video dettagliati di ogni step del montaggio!).

Indice dell’Articolo

1. Di quanti Watt di energia solare hai bisogno?

2. Che pannelli solari esistono e quali sono i più adatti per un camper

3. Come fissare i pannelli al tetto del tuo furgone camperizzato

4. Come connettere i pannelli solari e che cavi scegliere

5. Come Installare il Passacavi sul tetto del tuo Van

6. Passi successivi e conclusione

 

ELETTRICITA’ A 12V DC E 220 AC: QUALE E’ LA DIFFERENZA

circuiti ac e dc in un furgone camperizzato - schema semplificato

Molti accessori per camper (quali per esempio luci LED, frigoriferi, pompa dell’acqua, ventola, prese USB etc.) hanno un funzionamento a 12V ed, essendo questo uguale al voltaggio di funzionamento delle batterie, possono essere direttamente alimentati da queste (ovviamente, passando per una scatola porta-fusibili).

Le apparecchiature più energivore invece (quelle che comunemente usiamo a casa, come per esempio bollitore, caricatori dei pc/fotocamere, phon, piano ad induzione etc.) normalmente funzionano con corrente alternata a 220V (quella che abbiamo nelle spine di casa per capirci).

Per questo, è necessario trasformare la corrente immagazzinata nelle batterie (a 12V) in corrente fruibile da queste apparecchiature (220V): questa trasformazione è affidata ad un apparato che si chiama inverter.

Per progetti più spartani, il 12V è più che sufficiente per ottenere i comfort minimi necessari (alimentazione frigo, luci, usb ricarica…), mentre per progetti più ambiziosi, un’inverter è quasi d’obbligo. A seconda dei consumi di 220V che pianifichi, ovviamente dovrai scegliere un inverter della potenza adeguata (ci sono inverter di varie misure, leggi l’approfondimento per capire quale sia più appropriato per te!).

Se vuoi entrare nei dettagli dell’impianto elettrico, qui di seguito trovi due “tomi” di approfondimento, in cui troverai risposta a tutte (TUTTE!) le tue domande (e se non la trovassi, puoi sempre scrivermi un messaggio 😉 ).

LEGGI: APPROFONDIMENTO 8

foto di cavo alta tensione corrente alternata AC

GUIDE COMPLETA E SCHEMA IMPIANTO ELETTRICO PER IL TUO CAMPER FAI-DA-TE

In questa guida troverai TUTTO ma proprio TUTTO ciò che ti serve sapere per creare l’impianto elettrico perfetto per il tuo Camper interamente Fai-da-Te.

Stai Camperizzando il tuo Furgone e non hai mai toccato un cavo elettrico prima? Oppure vuoi implementare qualche modifica al tuo Camper e non sei sicuro sul dove mettere le mani?

Benvenuto alla Maxi-Guida per l’impianto elettrico di un Camper. Scritta a prova di neofita, questo approfondimento è una bibbia per chiunque si voglia cimentare la prima volta nel cablaggio di un furgone camperizzato 🙂

Indice dell’Articolo

1. Capire l’Impianto Elettrico di un Camper (Schema Semplificato)

2. Capire l’Elettricità: Potenza (Watt), Voltaggio (V) e Intensità (A)

3. Di quanta energia hai bisogno? Calcola il tuo Fabbisogno Energetico

4. Batterie per Camper: Tipologie, Caratteristiche e Quali scegliere

5. Come connettere le Batterie (in serie o in parallelo)

6. Ricaricare le Batterie del tuo Camper Metodo 1: i Pannelli Solari

7. Ricaricare le Batterie del tuo Camper Metodo 2: l’ Alternatore

8. Ricaricare le Batterie del tuo Camper Metodo 3: la Presa Elettrica

9. Mantenere i Cavi Ordinati: cos’è una Scatola Bus Bar?

10. Fusibili: Cosa sono, quali scegliere e come installarli?

11. Come Scegliere i Cavi Giusti per i tuoi Circuiti

12. Come Installare i Circuiti 12V DC nel tuo Van (cavi, fusibili, più apparati ed interruttori)

13. Come scegliere un Inverter per il tuo Camper

14. Come Installare Prese Elettriche e Circuiti AC

15. Controllare la Carica delle Batterie con SmartShunt e Monitor

16. Conclusione: Schema Dettagliato dell’Impianto Elettrico di un Camper / Van Camperizzato

BONUS: Video-spiegazione dell’impianto elettrico del mio van Camperizzato

 

LEGGI: APPROFONDIMENTO 9

guida per connettere cavi elettrici furg

CAMPERIZZARE UN VAN: COME CONNETTERE I CAVI ELETTRICI SENZA SBAGLIARE

Vuoi sapere come “si connettono” i cavi elettrici in pratica in un furgone camperizzato? Spelare, Crimpaggio, Capicorda, Morsetti, Tubi, Fascette
e tanto altro ancora… Sei arrivato nel posto giusto per imparare Tutto Questo!

Se la precedente era una guida più teorica per scegliere e collegare tutti i componenti del tuo impianto elettrico; in questo approfondimento troverai consigli pratici per “metterci le mani” e collegare le estremità dei cavi tra loro.

Indice dell’Articolo

1. Attrezzi per il Cablaggio dei Cavi Elettrici

2. Preparare il Furgone: Layout, Tubi e Guaine

3. Far scivolare i Cavi nei Tubi e Mantenere Ordine

4. Come Spelare i Fili: Spelafili e Taglierino

5. Tutti i Metodi per “Saldare” più cavi elettrici tra loro

6. Capicorda e Crimpaggio: come si fa?

7. Consigli Utili (e Pratici!) per Cablare il tuo Impianto Elettrico

8. Conclusione

 

ILLUMINAZIONE 

Se stai camperizzando un furgone e ti stai chiedendo che luci abbia senso montare, ti voglio semplificare la ricerca: luci led a 12V.

I vantaggi del LED a 12V sono numerosissimi, e rendono questo tipo di luci una scelta davvero facile ed immediata:

  • facili da installare, si attaccano direttamente alla batteria e non necessitano di inverter

  • il consumo elettrico è davvero minimo (da 1Watt dei Faretti, a 10Watt per le lampade più grandi)

  • le lampadine LED hanno una longevità incredibile (anche oltre le 50.000ore!)

  • non si surriscaldano e non scottano (nessun pericolo di incendio!)

  • ne esistono di tante forme (striscie, faretti, barre, etc.) e colori

  • Sono dei prodotti con un’ottima qualità prezzo, relativamente economiche da acquistare

 

Qui di seguito voglio lasciarti 4 idee di lampade LED che potresti voler includere nel tuo furgone (e che io personalmente ho utilizzato nel mio e posso raccomandare!)

Acegoo - Faretti led da incasso 12V

FARETTI 12V ACEGOO LED DA INCASSO

Faretti dimmerabili facili da collegare ed incassare al soffitto, con consumo davvero minimo (1W).

Vedi su Amazon

striscie led 12v illuminazione van camperizzato

STRISCIE LED 12V MULTICOLOR 

Striscie LED che cambiano colore con telecomando, ideali per sottopensili e interno armadi.

Vedi su Amazon

luci da lettura a 12V per camper

FARETTI 12V ACEGOO LED DA INCASSO

Semplici ed Eleganti Luci Led da Lettura da incassare a parete. Il consumo anche qui è minimo (3W).

Vedi su Amazon

lucine di natale

LUCETTE DI NATALE CON PILE AAA

Piccoli LED a batteria, per dare un tocco homey a piccole angoli o oggetti del tuo campervan.

Vedi su Amazon

L’acqua è essenziale per garantire un’alta vivibilità del tuo camper e ovviamente per prenderti cura del tuo igiene personale. 

In questo capitolo, vediamo brevemente insieme le componenti principali dell’impianto idrico di un camper che, a seconda del tuo progetto, potrebbero necessariamente servirti o meno. 

Se invece ti interessa entrare nei dettagli di un’impianto elettrico ed una guida pratica su come collegare ogni singolo componente con i vari tubi e raccordi, ti consiglio di leggere l’approfondimento: Guida Completa all’Impianto Idrico con Schema per Collegare Tutto Fai-da-Te.  

ACQUE CHIARE E SERBATOI

serbatoio acque chiare - impianto idrico di un furgone camperizzato

Le acque chiare sono il punto di partenza di ogni impianto idrico di un camper: in altre parole, per “acque chiare” si intende l’acqua pulita (e generalmente potabile) che si utilizzare per bere, lavarsi e cucinare.

A seconda del progetto di furgone camperizzato che hai in mente e dell’utilizzo idrico che pianifichi, potrebbe interessarti installare una tanica o un serbatoio per le acque chiare più o meno grande.

Di serbatoi infatti, ne esistono di tutti i tipi, forme e dimensioni: partono da una capienza di 5-10 litri (con le taniche portatili), per arrivare fino ad oltre 300L (con serbatoi fissi). I serbatoi standard sono a base rettangolare, ma ne esistono davvero di tutti i tipi (passaruota, gonfiabili, trapezoidali etc.).

Ovviamente, più grande è un serbatoio, maggiore sarà la tua autonomia in termini in termini di acqua ed il tempo che potrai rimanere in sosta libera senza la necessità di dover trovare un rifornimento d’acqua.

I lati negativi di un serbatoio grande invece, sono il suo ingombro (l’acqua occupa molto spazio!) ed il suo peso (più litri d’acqua trasporti, maggiore sarà il peso del veicolo e quindi il consumo in benzina).

Per questo, è importante trovare il giusto compromesso ingombro/capacità per soddisfare le tue esigenze idriche e minimizzare gli sprechi in termini di carburante. 

Dove Trovare Serbatoi delle Acque Chiare

  • Camping-Life.it: sito italiano specializzato in materiali per camping e camper. Io ho ordinato il mio serbatoio delle acque chiare da loro (e molte altre cose!); molto veloci e professionali
  • Osculati.it: altro sito italiano specializzato in accessori per camper, offrono una grande quantità di serbatoio, anche di misure e forme non-standard
  • Amazon.it: su Amazon si trova tutto ma proprio tutto; io ho fatto 153 ordini nel camperizzare il mio van), e talvolta pure buone offerte di serbatoi
  • BoxDoccia.it: sito italiano specializzato in bagni, ma che offre anche serbatoi per le acque chiare di varie misure e ad ottimi prezzi

Per aiutarti nella scelta del serbatoio giusto per te e delle sue caratteristiche (tappo d’ispezione, fori pre-filettati nei posti giusti, colore, forma etc.) ti consiglio di leggere l’approfondimento sull’impianto idrico. 🙂

LE ACQUE GRIGIE

Le “acque grigie” di un camper, anche chiamate “acque saponate”, sono le acque residue che provengono dal lavandino e, se c’è, dalla doccia: contengono normalmente saponi, detergenti per i piatti, shampoo e magari residui di cibo.

Non potendo essere svuotate ovunque, ma solamente in luoghi preposti (apposite aree di servizio, wc, lavandini o grate dove normalmente finiscono i saponi – es. ad un lavaggio- ), queste devono essere raccolte in un serbatoio apposito: il serbatoio delle acque grigie.

Il serbatoio delle acque grigie, è generalmente più piccolo rispetto a quello delle acque chiare (in quanto le opportunità di scarico solitamente sono maggiori rispetto a quelle di carico) ed, anche in questo caso, può variare in misura e forma da pochi litri fino ad oltre un centinaio.

Per risparmiare spazio all’interno del van (sempre preziosissimo), è talvolta possibile anche trovare serbatoi su misura da fissare sotto il pavimento del furgone (io l’ho fatto, ordinando un serbatoio+kit da CakTanks). Ovviamente, percorrendo questa strada, bisogna fare attenzione in inverno quando le temperature vanno sotto zero ad evitare che tubazioni e serbatoi gelino totalmente (magari utilizzando un anti-gelo!).

SERBATOIO acque grigie installato sotto furgone camper

LE ACQUE NERE

Le “acque nere” di un camper, sono le acque di scarico del WC (nel caso tu scelga di installare un WC Chimico).

La maggior parte dei WC Chimici hanno il loro serbatoio auto-contenuto (la “cassetta”) che semplicemente si stacca e si svuota manualmente; mentre alcune soluzioni più elaborate prevedono un rubinetto automatizzato che scarica dal fondo del furgone. Se ti interessa saperne di più sui WC Chimici e le acque nere, ti consiglio di leggere questo articolo: Bagno Camper Fai-da-Te: Come Auto-Costruirsi un WC. 

POMPA IDRAULICA E VASO D’ESPANSIONE

connettere i tubi con filtro pompa e vaso d'espansione camper

Oltre ad i serbatoi, prima di poter connettere il tutto con tubi, valvole e raccordi, manca l’altra parte fondamentale di ogni buon impianto idrico: la pompa idraulica!

La pompa infatti, è l’apparato che “pompa” (grazie capitan ovvio!) l’acqua dal serbatoio delle acque chiare, verso le varie utenze (lavandino, doccia, WC) che vorrai installare.

Ne esistono di vari modelli, ma principalmente si dividono in 3 tipi:

  • Pompe a Pedale: non richiedono alcuna connessione elettrica e funzionano meccanicamente quando premute con il piede. Sono ideali per chi vuole installare solamente un rubinetto e ridurre lo spreco d’acqua al minimo.

  • Pompe ad Immersione a 12V: una soluzione low-cost, dove la pompa viene immersa direttamente nel serbatoio e viene azionata automaticamente quando il serbatoio è pieno. Questo tipo di pompe sono meno longeve di quelle idrauliche tradizionali e più difficili da mantenere, ma sicuramente il prezzo le rende delle ottime soluzioni qualità/prezzo.

  • Pompe Idraulica 12V: lo standard per chi vuole fare le cose in grande ed installare uno (o due!) lavandini ed una doccia. Queste pompe creano una pressione costante all’interno dei tubi in modo che all’apertura dei rubinetti, l’acqua possa essere pronta ad uscire come succede a casa. Io ho installato una Shurflow Trailking 7 e posso davvero confermare che sono degli apparati fantastici! 

Nel caso delle pompe a 12V, è bene notare che le pompe spingono l’acqua “a colpi”, essendo composte essenzialmente da uno stantuffo che spinge l’acqua verso le tubature e le utenze. Per questo, installando solamente una pompa, l’acqua dai rubinetti e dalla doccia arriverebbe a “singhiozzi”

Per ovviare a questo problema, opzionalmente si può inserire nell’impianto un vaso d’espansione, che altro non è che un apparato che aiuta a mantenere nei tubi una pressione dell’acqua costante e quindi a fornire l’acqua dai rubinetti liscia e regolare come quella dei rubinetti di casa. 

MATERIALI UTILI PER L’IMPIANTO IDRICO DI UN FURGONE CAMPERIZZATO

Lavorare con l’acqua sicuramente è più intuitivo che mettere le mani in un’impianto elettrico, ma non per questo è una cosa che si può improvvisare, pena: tanta acqua in giro per tutto il camper (a me è successo più volte durante la mia camperizzazione!).

Infatti, a seconda del tuo progetto, l’impianto idrico di un furgone camperizzato può diventare anche molto complesso e richiedere una grande quantità di raccordi e componenti.

Per questo, prima di cominciare il montaggio vero e proprio, è importante capire il funzionamento di tutte le componenti, anche più piccole, di un’impianto idrico ben fatto. Tra queste possibili componenti che potrebbero servirti, troviamo:

  • i raccordi rapidi (per unire i tubi con il minimo sforzo)
  • le valvole di non-ritorno (per evitare un reflusso dell’acqua)
  • le valvole a rubinetto (per chiudere i tubi in caso di emergenza o manutenzione)
  • valvole di scarico/antigelo (per svuotare boiler e serbatoio in caso di temperature sotto lo 0°)
  • raccordi per serbatoio (per estrarre o riporre l’acqua nei serbatoi)
  • raccordi a vite, guarnizioni e teflon (per creare dei raccordi a prova di goccia)
  • rubinetti a una e due vie (per miscelare l’acqua calda e fredda)
  • il boiler (per riscaldare l’acqua del tuo van camperizzato)
  • il bocchettone (per ricaricare l’acqua dall’esterno del van)
  • etc. 

Se c’è un piccolissimo errore nell’impianto idrico, puoi star certo che l’acqua subito te lo farà presente.

Essendoci davvero tante piccoli raccordi da fare in maniera corretta e potenziali punti deboli in un’impianto idrico, ho pensato di semplificarti la vita anche qui, e scrivere una Maxi-Guida con Schema che ti possa aiutare dall’inizio alla fine a creare l’impianto perfetto per le tue necessità: lo trovi nel seguente approfondimento!

LEGGI: APPROFONDIMENTO 10

guida completa impianto idrico camper

CAMPER FAI-DA-TE: GUIDA ALL'IMPIANTO IDRICO

Di quanta acqua hai bisogno sul tuo Camper? Che Serbatoi Scegliere? Come Installarli?
Tubi, Pompa, Giunzioni… Scopri tutto quello che ti serve sapere per creare l’impianto idrico del tuo Furgone Camperizzato!

L’isolamento termico, anche chiamato “Coibentazione Termica”, consiste nel riempire le pareti con materiali termoisolanti per mantenere il caldo all’interno del van d’inverno, e il fresco d’estate. 

 

COME FUNZIONA LA TRASMISSIONE DEL CALORE?

Per ottenere un buon risultato, è importante capire come funziona la trasmissione di calore all’interno di un furgone camperizzato. Il calore, infatti, si trasferisce da un corpo più caldo ad un corpo più freddo in 3 possibili maniere

 

teoria dell'isolamento termico di un camper
  • Conduzione: il calore passa da un oggetto caldo ad un’altro che ne viene a contatto (per esempio, come quando ti scotti la lingua con un caffè bollente!)

  • Radiazione: il calore si trasmette attraverso l’aria o un corpo vuoto (per esempio, i raggi solari che ti scaldano la testa d’estate)
  • Convezione: in un fluido o liquido, il calore sale verso l’alto e il freddo verso il basso (per esempio, in una sauna, più ti siedi in alto e più l’aria sarà bollente)

Se ti interessa capire meglio la trasmissione del calore, ti consiglio fortemente di leggere l’approfondimento di seguito sull’isolamento termico, in cui spiego più dettagliatamente le implicazioni pratiche dei vari passaggi di calore (convezione, radiazione e conduzione) e come queste dovrebbero influenzare la coibentazione del tuo van).

PERCHE’ COIBENTARE UN FURGONE? SERVE DAVVERO?

coibentare - isolare furgone camperizzato - camper fai-da-te isolamento termico

Il metallo è un pessimo isolante contro il calore, e purtroppo il tuo furgone è quasi interamente costituito di metallo.

Questo significa che il sole ne scalderà molto velocemente l’interno (mai parcheggiato una macchina al sole d’estate? 😉 ), e che in inverno si raffredderà nel momento in cui spegnerai il riscaldamento (come una macchina parcheggiata d’inverno!).

Un camper tuttavia, non è una macchina che rimane parcheggiata: è un piccolo appartamento in cui mangiare, vivere e dormire! Per questo, nel processo di camperizzazione è importante creare un ambiente che rimanga il più possibile godibile in tutte le stagioni e condizioni atmosferiche: calduccio d’inverno e fresco d’estate.

Per fare ciò, ricorriamo alla coibentazione termica, ossia all’inserimento di materiali termo-isolanti nelle pareti del nostro van, in modo che queste lascino passare meno calore possibile (sia questo verso l’interno o l’esterno).

Se stai pianificando di utilizzare il tuo veicolo camperizzato in tutte e quattro le stagioni, isolarlo termicamente è quasi d’obbligo!

Personalmente, direi che saltare la coibentazione può essere possibile per veicoli ricreativi da usare solo nella bella stagione (quando un semplice ventilatore o una ventola può comunque creare una corrente d’aria che rende l’interno del van respirabile).

Se invece stai pensando di sfidare l’inverno senza isolamento termico, preparati a spendere un bel po’ in combustibile per il riscaldamento, oppure a vestirti come un’omino Michelin ;D

Coibentare un furgone costa relativamente poco, ed è possibile coibentare permanentemente anche furgoni N1 non omologati e con allestimento mobile.

Per questo, personalmente lo raccomanderei generalmente a tutti: si è vero è un lavoro in più da fare, ma viaggiare in un furgone coibentato è sicuramente tutta un’altra esperienza.

 

OPZIONI DI MATERIALI PER ISOLARE TERMICAMENTE UN VAN

MATERIALI TERMOISOLANTI PER UN FURGONE CAMPERIZZATO

Partiamo con una premessa molto importante: non esiste UN materiale ideale per creare un ottimo isolamento termico, ma esistono TANTI materiali (ciascuno con i suoi pro e contro), che se utilizzati correttamente possono garantire un ottimo isolamento termico.

Detto questo, i materiali più comunemente utilizzati per isolare un furgone camperizzato sono:

  • Denim
  • Lana di Pecora
  • Lana di Roccia
  • Lana di Vetro
  • Pannelli EPS
  • Pannelli XPS
  • Pannelli Polyiso
  • Reflectix Schiuma
  • Poliuretanica
  • Sughero
  • Thinsulate

Per maggiori dettagli su ognuno di questi prodotti, per vederne le qualità, i pro, i contro e la modalità d’impiego, ti consiglio di leggere l’approfondimento Guida Completa all’Isolamento Termico di un Furgone Camperizzato.

Qui di seguito invece, ho pensato di lasciarti una tabella riassuntiva delle principali qualità dei vari materiali in modo che tu possa metterli a confronto.

I materiali sono stati catalogati secondo sei differenti caratteristiche: Coefficiente di Coibentazione (valore-R), impermeabilità, facilità d’installazione, sostenibilità, tossicità e prezzo al metro quadro.

LE OPZIONI DI COIBENTAZIONE – IN BREVE – 

Materiale Isolante Valore-R Impermeabile Installazione Sostenibilita Tossicita Prezzo m/2 (R=6)
Lana di Vetro3,5NOCon Maschera/GuantiMedia (Produzione Inquinante)Alta 2,5
Lana di Roccia3SI (al vapore)Con Maschera/GuantiMedia (Materiale Riciclato)Media4
Lana di Pecora3,5NOFacileAlta (Prodotto Naturale)Nulla10
Pannelli XPS5SIMedioScarsa (Produzione/Post-Uso Inquinante)Bassa5
Pannelli EPS3,8NOMedioMedia (Smaltimento Inquinante)Bassa8
Pannelli Polyiso6,5SIMedioMedia (Materiale Riciclato)Bassa8
Sughero3,8SI (trattato)FacileAlta (Prodotto Naturale)Nulla20
Schiuma Poliuretanica6,5SIMedio (cola e appiccica)Scarsa (Gas CFC Inquinanti)Media18
Reflectix1SIFacileMedia (Riciclabile)Nulla10
Thinsulate3,3SIFacileAlta (Materiali 100% riciclati)Nulla28
Denim3,5NOFacileAlta (Fibre di Cotone Riciclate)Nulla5

LEGGI: APPROFONDIMENTO 11

Come isolare un van - camperizzare fai da te

CAMPERIZZARE UN FURGONE: GUIDA DEFINITIVA ALL'ISOLAMENTO TERMICO

Guida Completa ai materiali di coibentazione, alle loro caratteristiche ed al loro utilizzo (con foto e video).

In questo approfondimento, dopo una dettagliata discussione sulla trasmissione del calore ed i vari materiali isolanti adatti a coibentare un furgone camperizzato, ti voglio raccontare la mia esperienza di isolamento termico, fatta con pannelli XPS e schiuma poliuretanica.

Indice dell’Articolo

1. La Teoria: Capire come si Trasmette il Calore

2. Caratteristiche da Considerare nella Scelta del Materiale Isolante

3. Sommario dei Materiali Isolanti più comuni sul Mercato

4. La mia Scelta: Come Ho Coibentato il mio Van – Passo a Passo

5. Proteggersi dal Freddo in Inverno – Extra Consigli

6. Proteggersi dal Caldo in Estate – Extra Consigli

7. Conclusione e Passi Successivi

 

Per vivere al meglio il tuo Camper Fai-da-Te anche nella stagione invernale, l’installazione di un riscaldatore è sicuramente un saggio investimento. 

Detto questo, prima di vedere insieme i vari tipi di riscaldamento presenti sul mercato (gas, diesel e elettrico) è bene ricordare che la gestione della temperatura interna di un van non è solo frutto del riscaldatore, ma di una serie di fattori che includono:

  • la ventilazione (finestre, prese d’aria, ventola etc.),
  • l’isolamento termico (che abbiamo visto in precedenza)
  • la preparazione (attrezzatura invernale, previsioni del tempo etc.) 

Fatta questa premessa, passiamo ora a vedere le varie tipologie di riscaldatori per camper.

cold van winter - consigli per riscalda

RISCALDAMENTO A GAS

truma varioheat comfort - riscaldatore a gas per camper
SCHEMA come funziona RISCALDAMENTO CAMPER A GAS O DIESEL

I riscaldatori a gas sono tra i più usati dai camper classici di vecchia data, e funzionano alimentati da GPL (principalmente propano, ma anche butano).

Al giorno d’oggi vengono installati sempre più di rado, mentre il mondo delle case su ruote si sta muovendo sempre più verso diesel/gasolina e (lentamente) pure verso l’elettrico.

Per omologare un furgone in Germania con riscaldamento (o cucina) a gas inoltre, è richiesta una certificazione dell’impianto a gas fatta da un tecnico TUV.

I lati positivi del riscaldamento a gas, è che con due bombole hai un’autonomia di settimane, i gas di scarico sono meno inquinanti dei riscaldamenti a Diesel ed i costi di manutenzione relativamente bassi.

I lati negativi ovviamente, sono il prezzo delle bombole e la loro reperibilità (non sempre facile all’estero), oltre che ovviamente il rischio di trasportare gas a bordo in caso di incidente.

Personalmente, ti consiglierei di scegliere un impianto a gas solamente qualora il tuo veicolo già possieda un impianto (per alimentare il frigo o la cucina), in modo da continuare a sfruttarlo.

I modelli di riscaldatori a gas non sono tantissimi, qui di seguito ti lascio i più famosi:

Per informazioni più dettagliate su ciascun riscaldatore (consumi, kilowatt, comparazione prezzi, funzionamento, migliori modelli, istruzioni, montaggio etc.) ti consiglio di leggere l’articolo di approfondimento.

RISCALDAMENTO A DIESEL

truma combi diesel - riscaldamento per camper
come funziona riscaldamento a diesel per camper - figura interna webasto truma vevor espar planar

I riscaldatori a diesel (o gasolina) sono tra i più usati dai camper moderni e quelli che vanno per la maggiore nelle camperizzazioni Fai-da-Te con allestimento fisso.

La loro principale comodità infatti, è che possono funzionare pescando direttamente il carburante dal serbatoio del veicolo.

Il basso consumo di carburante e la comodità di poterlo reperire praticamente ovunque sono sicuramente le principali ragioni per cui molti (incluso me!) hanno deciso di scegliere un riscaldamento a diesel.

Le marche più affermate di riscaldatori a gasolio sono:

Alle quali negli ultimi anni si sono aggiunti dei competitori cinesi molto agguerriti e con ottimi prodotti e prezzi, tra i quali:

Per informazioni più dettagliate su ciascun riscaldatore a diesel ed i migliori modelli sul mercato (consumi, kilowatt, comparazione prezzi, istruzioni, montaggio etc.) ti consiglio di leggere l’articolo di approfondimento.

RISCALDAMENTO ELETTRICO

migliori riscaldatori elettrici per camper
imetec compact air 2000watt - riscaldamento elettrico camper van furgone camperizzato

Riscaldare il tuo veicolo solamente utilizzando l’elettricità, senza alcun tipo di combustione, sicuramente è un’idea allettante che piace a molti (anche io ci ho sognato sopra a lungo!).

Immagina: più pulito (no fumi di scarico), più pratico da installare Fai-da-Te (senza tubi, solamente inserire una spina) e più pratico (non c’è necessità di dover ricaricare carburante). Su internet poi, è anche facile trovare stufette elettriche e termoventilatori elettrici per prezzi a volte anche molto inferiori ai 100 Euro. 

Fin qui, tutto bellissimo, se non fosse per un piccolo particolare: i riscaldatori elettrici sono davvero davvero energivori.

Per questo, almeno che tu non abbia un banco batterie davvero potente (400ah+ al litio), potrebbe esser molto difficile riscaldare tutta la notte senza attaccarsi alla 230V di una colonnina (e comunque anche con un banco batterie gigante, potresti avere problemi a ricaricarle ad alte latitudini).

Personalmente, ti consiglierei di scegliere un riscaldamento elettrico solamente qualora tu stia pianificando di appoggiarti spesso a campings organizzati.

Per la sosta libera invece, i riscaldatori a diesel mi sembrano per il momento ancora la migliore opzione, mentre una stufetta elettrica potrebbe essere utilizzata semplicemente di supporto.

Per informazioni più dettagliate su ciascun riscaldatore elettrico ed i migliori modelli sul mercato (consumi, kilowatt, comparazione prezzi, istruzioni, montaggio etc.) ti consiglio di leggere l’articolo di approfondimento

 

LEGGI: APPROFONDIMENTO 12

outlet esterno del riscaldamento per camper cinese JP HEATER

RISCALDAMENTO PER UN CAMPER FAI-DA-TE: GAS, DIESEL O ELETTRICO?

Stare al Freddo in Casa non piace a Nessuno, neanche se questa è su Ruote!
In questo articolo, ti mostrerò tutte le possibilità per riscaldare il tuo Camper Fai-da-Te e goderti il calduccio anche nelle più fredde giornate d’inverno.

In questo approfondimento ho deciso di fare un po’ di ordine nel vasto mondo dei riscaldatori per camper.

Al suo interno, troverai informazioni sul funzionamento delle varie tipologie di riscaldatori, informazioni sui migliori modelli, prezzi, consumi, pro e contro.

Infine, ti racconto anche la mia esperienza con un JP Heater combi boiler/riscaldatore che ho ordinato direttamente dalla Cina.

Indice dell’Articolo

 

Il letto è una parte essenziale di ogni furgone camperizzato e probabilmente la parte del tuo van che utilizzerai di più. Per questo, è importante progettare un letto comodo e su misura per le tue esigenze.

In questo articolo, voglio darti degli spunti di riflessione e delle idee per creare il tuo letto su misura; se invece ti interessa entrare più nei dettagli tecnici della costruzione o di ciascuna opzione di letto, ti consiglio di leggere l’approfondimento a fine capitolo.

camperizzare un furgone - letto camper finito fai da te

CAPIRE LE TUE ESIGENZE DI LETTO

Le maniere di inserire e/o nascondere un letto all’interno di un furgone camperizzato sono davvero tante, e come vedremo esistono delle idee davvero creative.

Per trovare quella più adatta alle tue esigenze ed al tuo layout, ti consiglio di porti le seguenti domande:

  • Di quanti posti letto hai bisogno nel tuo Camper? Viaggiare da soli, in due, o con famiglia sono tutte situazioni differenti che richiederanno una pianificazione di letti differente. 

  • Quanto deve essere grande il tuo letto? I letti che si trovano nelle case normalmente hanno misure standard, e così anche i materassi. Se non vuoi andare per un materasso su misura, potrebbe interessarti tenere a mente le seguenti misure: i materassi sono normalmente di tre lunghezze (190-195-200cm) e di 6 larghezze (singolo standard 80cm, singolo large 90cm, una piazza e mezza 120cm, alla francese 140cm, matrimoniale standard 160cm, King Size 180cm). Pianifica una combinazione tra queste larghezze/lunghezze per essere sicuro di trovare un materasso già pronto su misura.

  • Disposizione del letto: puoi dormire orizzontalmente o devi dormire per il lungo? Se la tua altezza lo consente, puoi considerare di dormire orizzontalmente rispetto al senso di marcia: per chi è fortunato a non essere troppo alto, questa disposizione del letto può salvare molto spazio!

  • Letto a scomparsa o Fisso? Lo spazio in un furgone camperizzato è poco e preziosissimo: ogni centimetro conta. Per questo, molti hobbisti creano il proprio letto “a scomparsa”, in maniera da liberare spazio da utilizzare durante il giorno. Un letto a scomparsa, può essere costruito in diversi modi (vedi sotto) e sicuramente aiuta a valorizzare lo spazio all’interno del van. Il risvolto della medaglia però, è che rispetto ad un letto fisso può essere necessario rifare il letto tutti i giorni (qualcosa che per alcuni non è un problema, ma che per altri è fin dal principio fuori discussione).

  • Hai bisogno di uno spazio per lavorare o una dinette dove mangiare? Se ti interessa utilizzare lo spazio occupato dal letto anche di giorno, puoi considerare un letto convertibile in dinette; che quindi diventa tavolo o seduta all’occorrenza.

Dare una risposta a queste domande, probabilmente ti aiuterà a orientarti su quale modello di letto si avvicina di più al caso tuo. Di seguito, ti mostro 10 idee tra le più popolari.

10 IDEE DI LETTO PER UN CAMPER FAI-DA-TE: FISSO, A SCOMPARSA O DINETTE?

Qui di seguito ti mostro 10 idee di letti Fai-da-Te che potresti usare nel camperizzare il tuo furgone. Se ti interessano sapere i pro e contro di ciascuno di essi, vedere passo a passo come ho costruito il letto del mio VW Crafter e ricevere altri preziosi consigli per aiutarti a fare la scelta migliore, ti consiglio di leggere l’approfondimento a fine capitolo.

LETTO FISSO

letto fisso camper fai da te

LETTO-DINETTE CONVERTIBILE

letto dinette camper fai da te

LETTO A SCOMPARSA (MURPHY BED)

murphy bed 2

LETTO ESTRAIBILE (PULL-OUT BED)

pull out bed - letto estraibile camper fai da te

LETTO ROCK’N’ROLL

rock n roll sedile convertibile letto camper fai da te

LETTO NEL TETTO A SOFFIETTO

letto tettuccio camper

LETTO A CASTELLO

letto a castello camper - esempio

LETTO CON PANCHE ESTENDIBILI

letto camper con divani - panche apribili fai da te

LETTO A SOFFITTO (ELEVATOR BED)

letto camper automatico da soffitto

AMACA IN CAMPER

amaca - come fare un letto camper fai da te

LEGGI: APPROFONDIMENTO 13

letto camper fai da te prova isa orsetto

COME COSTRUIRE UN LETTO-DINETTE FAI-DA-TE SUL TUO FURGONE CAMPERIZZATO

Scopri idee, consigli e accessori per creare il letto giusto per il tuo Van, interamente Fai-da-Te!

Un Camper non è un Camper se non ha un letto dove Dormire e… Sognare!

In questa Guida ti propongo degli spunti per pianificare un Letto Fai da Te nel tuo Camper, e ti mostro passo a passo come ho costruito un Letto/Dinette Completo sul mio VW Crafter.

Indice dell’Articolo

1. Come Scegliere il miglior letto per il tuo Camper?

2. 10 Idee Creative per il Letto su un Camper Fai-da-Te

3. Come ho costruito il mio Letto Fai-da-Te (convertibile in Dinette!)

4. Come Scegliere il Materasso Giusto per il tuo Van

5. Accessori Utili per un Letto Comodo e Confortevole

6. Conclusione

 

Una volta che avrai isolato il tuo furgone camperizzato, studiato i servizi (elettricità, acqua, riscaldamento etc.) e ti sarai fatto un’idea più o meno precisa del layout interno, è il momento di rivestire l’interno del tuo van: soffitto, pareti e pavimento!

Le opzioni per rivestire l’interno di un furgone sono davvero tante ed ovviamente la scelta del materiale più giusto da utilizzare è molto personale.

In fondo, pavimento, soffitto e pareti cominciano a essere degli elementi che rimarranno alla vista una volta terminato il progetto, e per questo, oltre che alla loro funzionalità, ti interesserà sicuramente tenere anche un’occhio alle scelte stilistiche. Di seguito, ti mostro delle idee di come si può rivestire un furgone internamente: ovviamente ci sono molte altre possibilità 😉

letto finito fai da te

PARETI E SOFFITTO

Nella scelta del materiale di rivestimento del tuo van, è importante che tu ti ponga le seguenti domande:

  • è leggero? Dovendo rivestire un veicolo mobile, ogni kilo extra conta ed aumenterà per sempre i tuoi consumi di carburante: quindi leggero è meglio!

  • è facile da lavorare e sagomare? Essendo un progetto Fai-da-Te, è importante scegliere un materiale che sai di poter lavorare comodamente da solo con gli attrezzi a tua disposizione. Considera che nella stra-grande maggioranza dei van, le pareti sono abbastanza storte ed irregolari, e per questo dovrai essere flessibile nel seguirle.

  • è facile da pulire? Pensa al futuro: il materiale che utilizzerai deve essere qualcosa che nel caso si sporchi, possa essere pulito con facilità!

Viste le precedenti domande, non sorprende più di tanto che a farla per la maggiore nelle camperizzazioni Fai-da-Te ci sia il legno: un materiale malleabile ed alla portata di tutti.

Detto questo, non è il solo materiale che probabilmente vorresti considerare. Qui di seguito ti mostro le opzioni più popolari di rivestimenti per soffitto e pareti.

PANNELLI DI COMPENSATO MULTISTRATO

compensato multistrato per rivestimento furgone camperizzato - come camperizzare un van

I pannelli di legno compensato multistrato sono delle soluzioni facili da sagomare su misura ed utilizzare per il rivestimento interno di un van.

Disponibili in vari spessori e prodotti con vari tipi di legno (pioppo, betulla, noce etc.) e dotati di buona flessibilità ed elasticità meccanica, questi pannelli si trovano anche in grandi dimensioni. Questo rende il loro ancoraggio su pareti e soffitto facile e relativamente veloce.

Personalmente, per rivestire il mio van ho utilizzato dei pannelli multistrato da 8mm di spessore per le pareti e 4mm per il soffitto (meno pesante), trattato con due mani di impregnante (per evitare muffe) e smalto all’acqua satinato bianco per dare un feeling di “parete di casa” ed allo stesso tempo impermeabilizzare le superfici e renderle facilmente lavabili con un panno bagnato qualora si sporcassero.

 

PERLINE IN LEGNO

perline di legno per camperizzare un furgone fai da te - come fare 2

Quando si pensa ad un furgone camperizzato Fai-da-Te, la maggior parte di noi pensa alle perline in legno.

Queste assi ad incastro infatti, oltre che ad essere relativamente economiche, sono facili da utilizzare (anche se richiedono un po’ di tempo per esser avvitate!) e contribuiscono a creare un feeling molto “homey”, stile chalet/baita su ruote

Inoltre, possono seguire le curve anche delle pareti interne più storte.

Nota: se stai pensando di omologare il tuo van in Germania, consultati con l’ispettore TUV/Dekra che dovrà farti il collaudo per assicurarti che accetti le perline come rivestimento (alcuni fanno storie per questione della sicurezza in caso di incidente) ed eventualmente fatti dare istruzioni su come fissarle in sicurezza.

 

SCHIUMA DI PVC

schiuma di PVC

Un materiale innovativo e moderno per coloro a cui piace sperimentare.

Le perline in schiuma PVC sono un materiale che al tatto ricalca il legno (può anche però ricalcare il marmo o la pietra!), ma molto più tecnologico: la schiuma PVC rende il materiale più leggero, anti-graffio, flessibile, ma al tempo stesso meccanicamente molto resistente. 

A differenza del legno, che essendo un materiale vivo può usurarsi/crepare con gli sbalzi di temperatura, il PVC è un materiale plastico che può durare immutato per tanti anni.

 

PANNELLO COMPOSITO IN ALLUMINIO (APC BOARD)

pannelli apc alluminio composito - rivestimento pareti camper

I pannelli compositi in alluminio sono un materiale di rivestimento adatto per colore che cercano un design moderno o simile ai camper di fabbrica.

Questo materiale, consiste in due strati sottilissimi di alluminio incollati a sandwich su un materiale interno più morbido e flessibile (solitamente polietilene).

I principali vantaggi di questo materiale, è che è sottile (3-4mm di spessore sono sufficienti anche per le pareti), disponibile in tantissime trame e colori differenti e che, una volta installato, non richiede nessun trattamento: è già impermeabile e facile da pulire. 

 

PAVIMENTO

Una volta isolato il pavimento del tuo van, normalmente è bene coprire lo strato di isolamento con un pianale di legno/compensato di almeno 8-10mm di spessore. In questo modo, andrai a livellare tutte le micro-sporgenze ed otterrai un bella base, liscia e piana, su cui costruire il tuo allestimento ed ancorare i tuoi mobili.

Qui di seguito, vediamo insieme le opzioni più gettonate per coprire il pianale e rifinire il pavimento di un furgone camperizzato.

 

LEGNO LAMINATO E PARQUET

legna parquet pavimento camper fai da te

Utilizzare del legno vero e costruire un vero parquet è sicuramente un’opzione di grande effetto ed elegante che aiuta a dare un al tuo van un tocco stile “Chalet”.

I lati negativi di usare questo tipo di materiale però, sono la sua permeabilità all’acqua, la facilità di graffiarsi, è più costoso di altri materiali da comprare e da mantenere. 

Il laminato invece, è un’opzione che può comunque dare un effetto parquet, ma ad un costo minore e con maggiore durabilità. Inoltre, i produttori di laminato possono creare  tonalità di colore di qualsiasi tipo e persino dare una rifinitura tipo pietra o piastrella. 

 

VINILE PVC – LAMINATO “A CLICK”

pvc click vinile pavimento camper - come camperizzare un furgone guida completa

Grazie alle sue incredibili qualità meccaniche ed alla totale impermeabilità, non c’è da stupirsi che il vinile in PVC sia una scelta estremamente popolare per pavimentare un camper Fai-da-Te (io pure ho scelto questa via!).

Disponibili in infinite gradazione e trame, più leggeri di un parquet e facilissimi da stendere, tagliare e montare; il vinile PVC è un materiale che si può adattare facilmente alle esigenze di tutti. Inoltre, al tatto può assomigliare molto al legno, ma anche a piastrelle nel caso si scegliessero altri modelli.

Il vinile in laminato “a click” è la scelta più premium e con maggior resistenza meccanica tra le varie alternative di PVC, seguito da il laminato da incollare e la lastra intera.

Note negative: il vinile è leggermente meno longevo del legno, ed essendo prodotto con petrolio, è un’alternativa anche meno sostenibile.

VINILE PVC – LASTRA INTERA

pvc floor pavimento intero

La lastra in vinile è forse il rivestimento per pavimento più facile in assoluto da installare: si taglia a misura e si incolla/avvita al pianale di legno sottostante.

I vantaggi di questo tipo di rivestimento sono: facile e veloce da installare, tantissime trame/colori tra cui scegliere, impermeabilità ed economicità (è uno tra i materiali che costa meno!).

I maggiori svantaggi invece sono di tipo estetico: al colpo d’occhio ed al tatto, una lastra in vinile PVC appare una soluzione sicuramente più economica e meno “premium”, non assomiglia molto ad un vero legno.

Inoltre, nel caso si tagli o rompa in qualche punto, è molto difficile eseguire una riparazione fatta come si deve.

MOQUETTE/TAPPETI

moquette pavimento van morbido

Camminare su un tappeto o una moquette è qualcosa che davvero ti fa sentire a casa: morbido, accogliente, caldo d’inverno, anti-scivolo

Il problema principale con questo tipo di pavimentazione però è uno: la manutenzione! Come è facile pensare infatti, la longevità di una moquette/tappeto non dipende solamente dalla qualità iniziale della stessa, ma anche e soprattutto dalla cura con la quale la si pulisce ed igienizza ogni giorno.

Per questo motivo, una moquette è un rivestimento per pavimento ideale per quelle persone disposte a prendersene cura; ma è qualcosa assolutamente da evitare se non ci si prende la responsabilità di dedicargli il giusto tempo.

Una moquette non curata infatti, può essere un nido ideale per polvere e batteri.

GOMMA

pavimento gomma camperizzare un furgoncino

Il rivestimento in gomma è una soluzione ad incollaggio impermeabile e che costa pochissimo

Queste due caratteristiche, rendono la gomma ideale per coprire quelle parti di pavimento non alla vista e poco usate (tipo il garage posteriore!) in cui installare un vinile costoso e prezioso sarebbe uno spreco.

Una nota negativa: questo tipo di pavimentazione in gomma pesa molto! 

Un’altra cosa che non può mancare in un furgone camperizzato: la cucina!

Avere un frigorifero per conservare il tuo cibo ed un fornello dove cucinarlo infatti, sono due tra le cose che più ti fanno sentire a casa in ogni posto tu sia. In questo capitolo, vediamo insieme le varie opzioni di fornelli e le tipologie di frigo per camper, in modo che tu possa scegliere quelli migliori per il tuo progetto.

camperizzare un van - la cucina con piano a induzione

SOLUZIONE PORTATILE: FORNELLETTO A GAS

fornello a gas furgone camperizzato

Se stai pensando di camperizzare un furgone con un allestimento mobile o in maniera molto spartana, la soluzione più rapida e veloce per cucinare, e che non richiede alcuna installazione, è semplicemente un fornelletto a gas portatile.

Questo tipo di fornelletti, estremamente economici, pratici e facili da utilizzare, funzionano con bombolette di gas propano o butano. Inserisci la bomboletta, giri la manopola, e voilà: fuoco pronto per cucinare! 

Il costo di manutenzione è relativamente ridotto (il prezzo delle bombolette) e la portabilità sicuramente è un vantaggio qualora si voglia cucinare all’esterno del van (nel mio caso per esempio, nonostante abbia installato un piano ad induzione, tengo comunque uno di questi fornelletti a gas per cucinare all’esterno o per fare pic-nic lontano dal van).

I migliori Fornelletti a Gas Portatili:

Papillon Fornello Portatile 50W 

Kemper Fornello a Gas Mini

 

CUCINA CON FORNELLO A GAS

fornello a gas due fuochi camper

Il fornello a gas è stato per tanto tempo lo standard per i camper di fabbrica, sia con bombole mobili, che con serbatoi del gas fissi ancorati all’interno o sotto il van.

Negli ultimi anni invece, i veicoli ricreativi hanno cominciato a muoversi verso cucine a diesel o elettriche, adottando una filosofia sempre più gas-free.

Personalmente, ti consiglierei di installare un fornello a gas Fai-da-Te solamente se sul tuo veicolo già hai un’impianto a gas per altri servizi (es. frigo trivalente o riscaldamento). In caso contrario, ti consiglierei di non avventurarti nella creazione di un’impianto a gas (che richiede certificazione per circolare legalmente). 

Premesso questo, qui di seguito trovi le migliori marche di fornelli a gas per camper:

Vedi Modelli:

Fornelli CAN a 1 Fuoco con Lavandino Integrato

Noxton – Fornello a 2 Fuochi 3000-1750Watt

Hisense – Fornello a 3 Fuochi da Incasso

 

CUCINA CON FORNELLO A DIESEL

webasto diesel cooktop stove cucinare a diesel camper fai da te camperizzare van

Cucinare utilizzando direttamente il gasolio del serbatoio del veicolo? Apparentemente si, adesso si può fare! 

I fornelli a diesel per camper sono delle invenzioni relativamente recenti, che si stanno facendo strada tra gli appassionati e che stanno contribuendo a soppiantare gli impianti i gas.

Il vantaggio principale di questo tipo di fornelli è un’autonomia pressochè infinita: finchè c’è carburante nel serbatoio, il fornello può funzionare, ed il carburante si può rabboccare praticamente ovunque.

Lato negativo: al momento sono ancora i fornelli più costosi in commercio!

Vedi Migliori Modelli:

Webasto Diesel Cooker X100

JP Heater Diesel Stove

Wallas Diesel Cooktops

 

PIANO ELETTRICO E INDUZIONE

articoli per camper - piano ad induzione a due piastre

I progressi tecnologici in termini di pannelli solari più efficienti e batterie più economiche e performanti, hanno aperto negli ultimi anni alla possibilità concreta di installare in camper e furgoni camperizzati le piastre elettriche ed i piani ad induzione.

I lati positivi di questo tipo di fornelli sono sicuramente il prezzo abbordabile, l‘assenza di fiamma viva all’interno dell’abitacolo e i costi di manutenzione praticamente assenti (con un impianto elettrico adeguato, non c’è bisogno di spendere soldi in carburante).

La nota dolente, è che per supportare un piano elettrico/induzione senza collegarsi alla colonnina 230V, è necessario un banco batterie, impianto solare o caricatore B2B di dimensione non indifferente: questo rende l’investimento iniziale più alto di altre opzioni (ma il costo, viene recuperato nel tempo).

Vedi Modelli:

Piastra ad Induzione Portatile a 1 Fuoco AmzChef

Piastre ad Induzione da Incasso 2-3-4 fuochi Autarkic

Piastra Elettrica in Vetroceramica a 2 Fuochi IsEasy

MICROONDE E FORNO

forno e microonde per camperizzare un furgone

Se ti senti ambizioso e vuoi fare le cose in grande, perchè non includere anche un forno o un microonde?

Al giorno d’oggi esistono soluzioni davvero per tutti i gusti e tutti gli spazi, sia grandi che piccoli. Se pianifichi di frequentare campings o comunque collegarti spesso alla colonnina, anche elettrodomestici “da casa” possono andare bene.

Se invece pianifichi molta sosta libera, ricordati che è importante tenere sott’occhio il Wattaggio degli apparati per evitare di drenare troppo le tue batterie.

Di seguito ti lascio dei link a dei modelli di fornetti e microonde altamente efficienti ed a basso consumo, ideali per camperizzare un van.

Vedi Migliori Modelli:

Tristar – Fornetto Ventilato 19L 800W

Candy – Forno Microonde 20L 700W

LEGGI: APPROFONDIMENTO 14

come e quale scegliere il frigo giusto per il tuo van camper fai da te

IL MIGLIOR FRIGO PER IL TUO FURGONE CAMPERIZZATO: QUALE SCEGLIERE?

Acquistare un frigo per camper trivalente o a compressore? Frigo Orizzontale o verticale? Frigorifero a 12V o 220V? Scopri tutto ciò che serve sapere, sui frigoriferi per camper!

Il frigo è senza ombra di dubbio l’accessorio più importante di ogni camperizzazione ben fatta: avere la birra fredda ovunque tu sia è un comfort che davvero non ha prezzo! 😉

In questo approfondimento, ti spiego nei dettagli come funzionano i diversi tipi di frigoriferi per camper (trivalenti, termoelettrici, a compressore etc.), cosa guardare al momento dell’acquisto e quali marche conviene cercare.

Indice dell’Articolo

1. Le Tipologie di Frigo per Camper

2. Frigo Verticale o Orizzontale?

3. Che dimensioni deve avere il Frigo su un Camper?

4. Quale Scegliere? I Migliori Frigoriferi per Camper

5. Connettere I Cavi e Fissare il tuo Frigo nel Tuo Camper

6. Conclusione

 

 

 

 

Il bagno per primo, ed ancora di più la doccia per seconda, sono due aspetti di un furgone camperizzato che possono non essere essenziali per i progetti più modesti (si riesce comunque a vivere ed a prendersi cura del proprio igiene personale anche in altri modi, con un po’ di creatività e spirito di adattamento), ma che sono essenziali per la tua sanità mentale (e fisica!) se pianifichi viaggi lunghi o addirittura di vivere nel tuo mezzo full-time. 

In questo capitolo, voglio mostrarti le soluzioni sia di WC che di doccia più popolari per dei van camperizzati.

Se ti interessa approfondire l’argomento, trovare maggiore ispirazione o vedere passo a passo come abbiamo costruito il nostro bagno-doccia sul nostro van, ti invito a leggere gli approfondimenti dettagliati che troverai più in basso 🙂

seduta del bagno fai da te - camperizzare un furgone

Per cominciare, iniziamo parlando del WC.

Essendo un furgone camperizzato un veicolo mobile, come puoi bene immaginare non si può scaricare direttamente in una fogna come a casa, ma servono delle soluzioni adeguate di contenimento che ci permettano continuare a viaggiare e scaricare tutti i nostri residui fisici solamente nel momento in cui troveremo un luogo adatto.

Queste soluzioni si dividono comunemente in 2 tipi: WC chimici e WC compostabili (a secco). Di seguito, ti spiego brevemente in cosa consiste ciascuna opzione.

IL WC CHIMICO: COME FUNZIONA?

Il funzionamento di un WC chimico è molto simile a quello di un water di casa: si fanno i bisogni nella tazza, si tira l’acqua, e questi vengono sciacquati via (ovviamente in questo caso non nelle fogne, ma in un serbatoio delle acque nere).

Il nome “WC chimico”, viene dato a questo tipo di bagno dalle sostanze chimiche che vengono versate nel contenitore delle acque nere con urina e feci per mitigarne l’odore e disgregare i rifiuti solidi.

Questo tipo di toilette, è al momento lo standard per tutti i veicoli ricreativi e commerciali di fabbrica (camper, bus, treni, etc.) ed essendo un sistema di WC in circolazione da tanto tempo, ne esistono davvero centinaia di modelli.

Nonostante differenti modelli possano variare molto in termini di prezzo, dimensioni, portata massima, stile, comfort ed extras; tutti funzionano nella stessa maniera: espelli, tira l’acqua, tutto alle acque nere.

I WC chimici sono delle componenti di un camper che solitamente si comprano tutti d’un pezzo, e quindi non lasciano molto spazio per il Fai-da-Te, se non in termini di installazione.

Ti interessa saperne di più? Trovi i Pro e Contro dei bagni chimici e compostabili nell’approfondimento!

chemical toilet camper

I MIGLIORI WC CHIMICI

enders bagno chimico wc camper
Enders WC Chimico Portatile

Migliore Opzione Budget

porta potti thetford - fai da te bagno camper
Thetford
“Porta Potti”

 Migliore Opzione Qualità/Prezzo

dometic saneo - wc cassetta per camper
Dometic Saneo
WC da Incasso 

Migliore Opzione Premium 

IL WC COMPOSTABILE (A SECCO): COME FUNZIONA?

Il WC compostabile è un concetto relativamente nuovo per il mondo dei veicoli ricreativi, che per il momento sembra molto più apprezzato ed utilizzato nei progetti di camperizzazioni Fai-da-Te piuttosto che dalle aziende produttrici di camper.

Il funzionamento di un WC compostabile, come per il wc chimico, è molto semplice da capire.

Per prima cosa, ci si siede e si fa ciò che si deve fare, sia solida e/o liquida. Senza tirare l’acqua, il WC divide l’urina dagli escrementi solidi: la pipì finisce in un contenitore davanti, e la pupù finisce in un contenitore dietro dove viene poi mischiato/coperto con dell’altro materiale compostabile, quale segatura, fibra di cocco o materiali simili.

Dividendo il rifiuto liquido dal solido, si previene la formazione della maggior parte dei cattivi odori senza ricorrere a prodotti chimici.

Inoltre, alla fine del processo, si hanno due contenitori, uno per il liquido ed uno per il secco che all’occorrenza, possono essere svuotati indipendentemente e sostenibilmente, senza dover trovare per forza un punto di scarico delle acque nere.

Ti interessa saperne di più? Trovi i Pro e Contro dei bagni chimici e compostabili nell’approfondimento!

COMPOSTING TOILET - PER CAMPER FAI DA TE

I MIGLIORI WC COMPOSTABILI

camco WC per camper campeggio compostabile a secco
Camco
WC Portatile 

WC Compostabile Low-Cost

nature's head composting toiler - bagno camper fai da te
Nature’s Head
Composting Toilet

Lo Standard del Settore

separett composting toilet - bagno compostabile per camper
Bagno Compostabile
Separett

Il Migliore WC Premium

LEGGI: APPROFONDIMENTO 15

camperizzare un van - bagno camper

GUIDA COMPLETA AL BAGNO IN CAMPER E COME AUTO-COSTRUIRSI UN WC

Scopri nei dettagli come funzionano i WC sui Camper, Pro e Contro di ciascun tipo, i migliori modelli in commercio, e scopri come si può costruirsi un WC interamente Fai-da-Te!

Se stai Camperizzando un Van sicuramente ti sarai chiesto: Come funziona il Bagno in un Camper?

In questa Guida ti mostro i vari tipi di Bagni in commercio, ti spiego come funzionano, e ti faccio vedere come è possibile
risparmiare tanti tanti soldi e auto-costruirsi un WC Compostabile interamente Fai-da-Te (con foto incluse!) 🙂

Indice dell’Articolo

1. Bagno in Camper: Serve o No?

2. Bagno Chimico vs Bagno Compostabile

3. Come Costruire un WC Compostabile Fai-da-Te

4. Dove Scaricare le Acque Nere del Camper

5. Conclusione 

 

 

L’installazione di una doccia su un furgone camperizzato porta sicuramente dei grandi benefits in termini di vivibilità del camper non indifferenti: puoi lavarti quando vuoi e dove vuoi semplicemente utilizzando l’acqua che trasporta il tuo camper.

Nel caso tu pianificassi viaggi lunghi o addirittura full-time, puoi stare certo che una doccia sicuramente potrà aiutarti a prenderti cura del tuo igiene personale senza dover dipendere da strutture e servizi esterni: alla lunga, questo si tramuta in meno costi e meno tempo perso alla ricerca di un posto dove lavarti.

Il risvolto della medaglia, nell’installare una doccia completa, è sicuramente lo spazio che essa occupa all’interno di un van: spazio prezioso che potrebbe essere usato per stivaggio o altre cose (specialmente nei van di dimensioni più contenute!). Per fortuna, come vedremo, esistono anche delle soluzioni salvaspazio per installare una doccia in spazi anche molto piccoli.

shower with flowing water and steam

COME DOCCIARSI IN UN CAMPER SENZA DOCCIA?

Se decidessi di non installare una doccia sul tuo furgone personalizzato, voglio lasciarti qui qualche idea su come potresti comunque docciarti durante i tuoi viaggi: 

  • Doccie in Spiaggia: se stai viaggiando sulla costa o vicino a delle località balneari, le docce in spiaggia sono una soluzione gratuita che puoi sfruttare
  • Case di Amici: se utilizzi il tuo veicolo per visitare degli amici lontani, probabilmente questi, se amici lo sono davvero, ti inviteranno ad utilizzare la loro doccia senza problemi 😉
  • Lidi, Terme e Piscine: unire l’utile al dilettevole! Una giornata ad un lido, centro termale o in piscina può essere un’occasione di relax ed al tempo stesso una possibilità di farsi una buona doccia calda. A seconda della zona in cui sei di viaggio, l’entrata può costare un poco di più o di meno, ma in generale i prezzi non sono mai proibitivi.
  • Fiumi e Laghi: se se sei un po’ sul wild-style, e ti piace immergerti nella natura, laghi e fiumi possono essere delle soluzioni gratuite per darti una lavate, rilassarti e ripartire. Ovviamente, assicurati che l’area sia balneabile e sicura, l’acqua pulita e utilizza un sapone ecologico per evitare di inquinare l’ambiente! In inverno, brrrrr…. auguri! 
  • Aree di Parcheggio per Camion: in tutta Europa esistono aree di parcheggio per camionisti provvisti di doccia. Spesso queste aree di sosta, create appositamente per camionisti, viaggiatori e camperisti, possono essere utilizzate per pochi euro. Tramite il sito Truck Parking Europe, puoi vedere tutte le aree di sosta ed individuare quelle provviste di doccia.
  • Club Sportivi e Palestre: dove c’è sport, si suda, e normalmente c’è una doccia. Chiedendo gentilmente di poter fare una doccia per un piccolo contributo, difficilmente qualcuno ti dirà di no.
  • AirBnB/Hotels/Ostelli: se dopo giorni di viaggio con il tuo camper, ancora non hai trovato nessuna doccia sul tuo cammino e ti rendi conto che è arrivato il momento, l’ultima spiaggia potrebbe essere quella mettere mano al portafoglio, riservare una notte in un hotel/ostello/AirBnb economico, e usufruire finalmente di una doccia per levarti il profumo da capra di montagna ;D
  • Compra una Doccia Solare: una doccia solare altro non è che una borsa dell’acqua che all’occorrenza si può riempire e mettere a scaldare ai raggi del sole. Una volta che l’acqua si sarà scaldata (in un paio d’ore) potrai farti una doccia calda (esterna) ovunque vorrai. 

IDEE DI DOCCIA IN UN CAMPER FAI-DA-TE

doccia camper fai da te - camperizzare un van

Qui di seguito ti voglio lasciare sei idee d’ispirazione di come può essere una doccia in un camper Fai-da-Te.

Se ti interessa investigarle più nel dettaglio, o trovare maggiori informazioni sull’argomento “Doccia”, ti consiglio l’approfondimento subito sotto.

6 IDEE PER UNA DOCCIA FAI DA TE

doccia completa van camperizzato
Bagno-Doccia
Completa

Il progetto più laborioso, ma anche quello più comodo da utilizzare una volta terminato.

Un bagno-doccia completo è ideale per Van Medio-Grandi.

doccia camper in un cassetto idea fai da te
Doccia in un Cassetto
Estraibile

Una soluzione salvaspazio, che comunque richiede una buona pianificazione delle tubature.

Adatto per chi vuole salvare spazio ed evitare una doccia completa.

 

doccia sotto pavimento per camper fai da te
Doccia Sotto
al Pavimento

Da pianificare in fase di isolamento, una doccia sotto al pavimento è davvero un’idea salvaspazio geniale!

Ideale con un serbatoio acque grigie installato sotto il van.

doccino esterno - doccia fai da te in camper
Doccino
Esterno

Il doccino esterno è una soluzione per utilizzare il proprio carico delle acque chiare (anche calda!) senza sacrificare spazio per il piatto doccia.

In inverno, manco a dirlo, il brivido è assicurato!

doccia in un secchio camper - soluzioni economiche
Doccia
in un Recipiente

 Un recipiente, una tenda ed un hula-hoop per reggerla. Una soluzione molto “arrangiata” ma che fa il suo dovere.

Adatta a chi vuole risparmiare e si adatta a tutto 🙂 

 

doccia solare - furgone camperizzato in italia
Doccia Solare
Portatile 

Una borsa d’acqua, che si appende all’esterno del van e si riscalda in un paio d’ore grazie ai raggi solari.

Economica e facile da usare, ideale per l’estate, meno per le giornate piovose (vedi su Amazon).

LEGGI: APPROFONDIMENTO 16

COME COSTRUIRE UNA DOCCIA IN UN CAMPER FAI-DA-TE

In questa guida ti mostro varie idee di doccia, e ti spiego passo a passo come abbiamo costruito la Doccia del mio Furgone Camperizzato interamente Fai-da-Te!

Montare il piatto doccia, impermeabilizzare le pareti, installare i rubinetti, la piletta, le tubature, gli strumenti giusti… 

In questo articolo, dopo averti mostrato varie tipologie di doccia, ti mostro come abbiamo costruito la doccia del nostro VW Crafter Arancino completamente Fai-da-Te.

Indice dell’Articolo

1. Doccia in Camper: Serve Si o No?

2. Idee per una Doccia Fai-da-Te in Camper

3. Come Ho Creato una Doccia sul mio Van 

4. Come Installare il Piatto Doccia

5. Come Costruire le Pareti della Doccia Fai-da-Te

6. Come Impermeabilizzare la Doccia 

 

7. Materiali, Strumenti e Accessori che Ho Utilizzato

8. Conclusione e Passi Successivi 

CONSIGLI PER PIANIFICARE I TUOI MOBILI

I mobili di un furgone camperizzato sono ciò che utilizzerai tutti i giorni e la parte del tuo allestimento che più rimarrà alla vista.

Scrivere una guida dettagliata e completa passo a passo per creare dei mobili è una cosa quasi impossibile in quanto ogni progetto ha esigenze diverse, misure diverse e necessita di soluzioni diverse; mentre ogni soggetto ha preferenze diverse (di materiali, finiture, costo etc.).

Premesso questo, qui di seguito voglio darti dei suggerimenti utili da tenere a mente per progettare i TUOI mobili:

mobili furgone camperizzato in italia omologato
  • Pensa in anticipo a cosa riporrai all’interno di ciascun cassetto/scompartimento: in questo modo potrai costruire ogni scompartimento su misura ed evitare di sprecare spazio dove non serve. Considera spazio per: vestiti, posateria, piatti, pentolame, cibo, birra, prodotti di pulizia, prodotti bagno, vestiti sporchi, biancheria letto/bagno, attrezzi, mondizie, attrezzi per il camper, libri etc.
  • Pianifica con l’Accessibilità in Mente: attraverso i mobili probabilmente potrebbero passare cavi, tubi, riscaldamento o quant’altro; oppure i mobili potrebbero precludere l’accesso ad alcune aree del tuo van. Ricordati di pianificare tutto in maniera che, nel malaugurato caso qualcosa si rompa, tu possa accedervi e lavorarvici con facilità, senza dover smontare mezzo van!

  • Scegli dei Materiali che Durino nel Tempo: metterci le mani una volta bene, per non doverlo fare ancora. Costruire ed installare dei mobili su un van già richiede abbastanza tempo; il mio consiglio è di pensare al futuro e farlo bene alla prima!

Una volta che avrai pianificato nei dettagli i tuoi mobili e l’uso che ne farai, sarà quindi il momento di procedere alla loro realizzazione.

OPZIONI PER AMMOBILIARE IL TUO FURGONE CAMPERIZZATO

Creare i mobili del tuo furgone camperizzato e fissarli al rivestimento interno è sicuramente uno dei lavori più divertenti e di maggior soddisfazione (alla fine, stai creando la parte “visibile” del tuo van!).

Detto questo, costruire dei mobili richiede anche molto tempo e, se sei alla prima esperienza, sicuramente anche molti errori. A seconda del tuo livello di abilità e voglia di imparare, le opzioni principali per ammobiliare il tuo camper Fai-da-Te sono:

camper furgone camperizzato van mobili fai da te

Costruirti i Tuoi Mobili su Misura

La soluzione più Fai-da-Te e più economica  è ovviamente di costruirti pezzo per pezzo tutti i tuoi mobili. Così facendo potrai personalizzare tutto sulle tue esigenze, ma ovviamente molto di ciò che farai dipende dalle tue competenze in carpenteria.

 

mobili furgone camperizzato ikea

Adattare Mobili Pre-Costruiti

Un’ottima soluzione per evitarti lo stress di fare tutto da zero, è trovare dei mobili pre-costruiti (tipo da Ikea), e ri-adattarli, fissarli e ri-modellarli in modo da entrare perfettamente nel layout che hai pianificato per il tuo furgone camperizzato. 

 

falegname su misura mobili vanlife italia

Chiedere ad un Professionista

Se alcuni mobili o passaggi sono troppo complicati per le tue capacità, puoi sempre chiedere a qualche artigiano locale (falegname, carpentiere etc.) di darti una mano. (Io per esempio, mi sono fatto preparare tutti i piani in legno nobilitato della cucina su misura).

 

Nel capitolo 18 troverai tutti gli strumenti utili che ti potranno servire per costruire i mobili del tuo van camperizzato interamente Fai-da-Te.

In questo capitolo, ti mostrerò dei dispositivi di sicurezza che spero vivamente non ti servano mai 😉

Costruirsi il proprio furgone camperizzato Fai-da-Te, se già ti sei messo al lavoro lo sai, è un progetto che richiede una TREMENDA quantità di ore di lavoro, risorse economiche e mentali.

Come per una casa vera, la cosa peggiore che possiamo immaginarci dopo tanto sforzo, è che qualche estraneo vi si intrufoli all’interno per derubarla o, essendo un veicolo mobile, proprio rubarla interamente!

Avere una buona assicurazione antifurto per camper, a seconda del valore del tuo veicolo, sicuramente è una protezione che da sicurezza (ed è quasi d’obbligo!).

Detto questo, molto spesso è molto meglio prevenire il danno prima che accada, per evitarsi trafile burocratiche ed un eventuale colpo al cuore (non voglio neanche immaginarmi come potrei reagire se il risultato di quasi un anno di lavoro mi venisse rubato!).

Gli antifurto, come dice la parola, esistono esattamente per questo: prevenire il furto!

Premettendo che NON esiste un anti-furto perfetto (con strumenti e tempo a disposizione, un ladro potrebbe aggirare qualunque protezione), qui di seguito ti lascio una lista dei migliori anti-furto per camper, divisi per categorie: dissuasori, anti-intrusione, meccanici e elettrici/digitali.

La soluzione migliore per le tue esigenze dovrai deciderla tu; quello che posso consigliarti però, è di pensare a quali anti-furto accoppiare tra loro per creare le condizioni di sicurezza migliori per il tuo veicolo. Se ti interessa vedere i Pro e Contro di ogni tipo di antifurto sottoelencati, ti consiglio di leggere l’approfondimento Antifurto per Camper: I migliori Modelli e Quali Scegliere – GUIDA COMPLETA.

Un ultimo consiglio che mi sento di darti è: prevenire un furto è meglio che curarlo! Qui di seguito vedremo molti tipi di antifurto, ognuno adatto ad una particolare situazione, ma tieni sempre a mente che il miglior antifurto è il tuo comportamento e la precauzione che metterai in pratica durante i tuoi viaggi (qui ti lascio uno spunto di riflessione su buone precauzioni da prendere).

antitheft antifurto camper i migliori antifurto

ANTIFURTO – DISSUASORI

La prima categoria di antifurto per camper che andremo a vedere sono gli antifurto dissuasori, ossia quei sistemi atti a scoraggiare il ladro e disincentivarlo a tentare il furto. In poche parole, sono dei sistemi di deterrenza che cercano di trasmettere al ladro l’idea che il veicolo non sia facile da rubare o che comunque sia rischioso farlo.

antifurto camper - allarme gps adesivo

Adesivi Allarme/GPS

Semplice adesivo che comunica ad un possibile ladro la presenza di un allarme e GPS installato nel veicolo. Un piccolo deterrente, che comunque può fare il suo grande effetto.

Vedi su Amazon

 

allarme cablata furgone camper camperizzato van

Allarme Cablata

Un’allarme classica, che una volta armata suona appena qualcuno prova a forzare una porta o una finestra. Il montaggio richiede un po’ di dimestichezza con i cavi elettrici.

Vedi su Amazon

 

allarme porte wireless antifurto camper

Allarme Wireless

Un allarme facile da installare e da monitorare anche tramite telefono. Può essere montato su qualunque porta e suona quando questa viene forzata e aperta senza permesso.

Vedi su Amazon

 

ANTIFURTO – ANTI-INTRUSIONE

Gli antifurto anti-intrusione sono quegli antifurto pensati per mantenere il ladro al di fuori del veicolo o comunque per ostacolargli l’accesso e prendere tempo. Quello che ogni ladro spera durante un furto, è infatti di metterci meno tempo possibile, riducendo così il rischio di essere beccato. Per questo motivo, confrontato con dei solidi dispositivi anti-intrusione, un ladro potrebbe rinunciare e abbandonare il colpo.

serratura porta camper antifurto semp

Catene per Porta

Catenelle molto economiche simili a quelle che si trovano nelle case. Devono essere armate dall’interno, possono rallentare l’intrusione o funzionare da deterrente (con sirena!).

Vedi su Amazon

 

Protezione Metallica anti-intrusione

Protezione per Serrature

Sono delle tessere metalliche che si inseriscono all’interno del veicolo per proteggere le serrature da tentativi di sforzo, foratura o sblocco dall’esterno non autorizzato.

Vedi su Amazon

 

lucchetto serratura porte camper antifurto

Lucchetti Blocca-Porta

I lucchetti blocca-porta sono la scelta numero uno (ma anche la più costosa!) contro i tentativi di intrusione: installati permanentemente sulle porte, ne bloccano l’apertura senza chiave.

Vedi su Amazon

 

ANTIFURTO – MECCANICI

Gli antifurto meccanici sono dei dispositivi che “meccanicamente” impediscono al veicolo di muoversi o di essere manovrato correttamente. Molti di questi dispositivi sono creati con colori molto sgargianti per essere notati con facilità (del ladro), creare un’effetto deterrente e fare abbandonare il colpo prima di provarci.

antifurto blocca-sterzo volante campe

Bloccasterzo sul Volante

Un impedimento meccanico che una volta installato sul volante e bloccato con chiave ne impedisce lo sterzo. Il colore ben visibile aggiunge un effetto deterrenza.

Vedi su Amazon

 

ganascia bloccaruota antifurto furgone camperizzato van

Ganasce Bloccaruote

Le ganasce sulle ruote sono un’antifurto molto visibile, che impedisce alla ruote di poter girare correttamente. Anche qui, il colore forte è usato come deterrente.

Vedi su Amazon

 

bloccavolante e pedale

Bloccasterzo e Pedale

Un antifurto meccanico combinato che impedisce al volante di girare ed al pedale (freno o frizione) di essere premuto correttamente. La posizione lo rende più difficile da manomettere.

Vedi su Amazon

 

bloccafreno antifurto

Blocca-pedale

Un semplice ed economico pezzo di metallo regolabile che, una volta installato su un pedale (freno o frizione) ne blocca il movimento e corretto funzionamento.

Vedi su Amazon

 

blockshaft miglior antifurto camper

Block-Shaft

La soluzione più efficace e costosa tra gli antifurto meccanici: il piantone di sterzo del volante viene sostituito e può essere bloccato e sbloccato solamente con chiave induplicabile.

Vedi su BlockShaft.it

 

ANTIFURTO – ELETTRICI/DIGITALI

Gli antifurto elettrici o digitali, sono antifurto con funzionamento a corrente, che sfruttano le nuove tecnologie (GPS, WiFi, Camere etc.) per dissuadere, ostacolare, localizzare o rintracciare il ladro. Ce ne sono di tantissimi tipi, per tutte le esigenze e per tutte le tasche. 

killswitch antifurto camper camperizzare un furgone guida

Killswitch

Un semplice interruttore nascosto, posto tra il circuito d’accensione e il relay della pompa del carburante. Se in posizione “off”, il veicolo non si accenderà. Da nascondere bene 😉

Vedi su Amazon

 

gps per camper antifurto van fai

Tracker GPS 24h

Installare un sistema GPS aiuta a rintracciare velocemente il veicolo qualora questo venisse rubato, oltre a fornire molte altre statistiche utili sullo spostamento del mezzo.

Vedi su Amazon

 

SICUREZZA A BORDO DEL TUO FURGONE CAMPERIZZATO: FUOCO, GAS E ELETTRICITA’

Oltre ai dispositivi antifurto, utili per mettere il nostro van camperizzato al sicuro dai malintenzionati, è importante anche pensare a prevenire altri pericoli/incidenti che potrebbero provenire dall’interno del tuo veicolo. Tra questi, ci sono fuoco, gas/CO2 e scariche elettriche.

estintore da viaggio camper furgone van vanlife italia

Estintore da Viaggio 1Kg

Piccolo estintore di sicurezza per bloccare potenziali principi d’incendio sul nascere. Facile da utilizzare (sperando non serva mai!) e con un ingombro davvero minimo. 

Vedi su Amazon

 

rilevatore monossido di carbonio

Rilevatore Monossido di Carbonio

In uno spazio piccolo e chiuso, un rilevatore di monossido di carbonio è un’investimento sulla propria sicurezza; a maggior ragione se utilizzi del gas in camper!

Vedi su Amazon

 

salvavita magnetotermico

Salvavita Magnetotermici

Se hai installato un’inverter e quindi utilizzi la corrente ad alta tensione 220, dei salvavita possono proteggerti da eventuali guasti, malfunzionamenti e scariche elettriche.

Vedi su Amazon

 

Vediamo in questo paragrafo tutti gli optionals non-essenziali che possono essere installati su un furgone camperizzato per aumentarne il comfort e la vivibilità.

PORTABICI

Visitare i centri città con veicoli lunghi (quali furgoni camperizzati di medio-grandi dimensioni) è spesso un incubo: più il vostro mezzo è grande, più trovare parcheggio verso il centro diventa difficile e stressante. 

Solitamente, i parcheggi per camper sono un po’ in fuori e camminare verso i punti d’interesse non è sempre possibile. La bicicletta in questi casi, è un’ottimo mezzo per accorciare le distanze!

Se poi vi piace pure fare lunghe biciclettate, investire in un porta-bici potrebbe fare al caso vostro. Ogni portabici in commercio solitamente, è studiato per uno specifico modello di furgone.

Qui di seguito ti lascio i link ai Migliori Portabici per i furgoni camperizzati più comuni:

Portabici Sprinter/Crafter

Portabici Ducato/Boxer/Jumper

Portabici Ford Transit

Portabici Opel Vivaro/Renault Trafic

 

portabici fiamma per furgone camperizzato

SWIVEL SEATS – PIASTRE PER SEDILI GIREVOLI

Girare i Sedili anteriori di 180° è un modo semplice e veloce per allargare il tuo spazio abitabile durante la sosta e guadagnare due sedute extra dove sederti per rilassarti, lavorare, mangiare o semplicemente bere una birra ;D

Essendo ogni furgone leggermente diverso, se pianifichi di installare una piastra per sedili girevoli, è importante assicurarti per bene che la piastra sia quella giusta per il modello del tuo veicolo.

Inoltre, con la piastra è importante che ci sia una certificazione CE (la ottiene il produttore in seguito a dei crash-test) in modo da non avere problemi in fase di revisione.

Piastre per Sedili Girevoli dei Van più Comuni:

Swivel Seat Sprinter/Crafter (sedile singolo o coppia)

Swivel Seat Ducato/Boxer/Jumper (un sedile)(due sedili)

Swivel Seat VW Transporter (Furgoncino)

Swivel Seat Ford Transit

Swivel Seat Opel Vivaro/Renault Trafic

 

swivel seat for van conversion - piastr

TELECAMERA RETROVISORE

Un’optional che, con un veicolo sopra i 5 metri di lunghezza, io reputo essenziale.

Fare retromarcia con un veicolo ingombrante non sempre è facile, e spesso succede di avere degli angoli ciechi (in un furgone non hai lo specchietto centrale!).

Installare una telecamera retrovisore elimina questo problema e ti consente di manovrare in sicurezza.

Telecamere Retrovisori per Furgoni Camperizzati:

Telecamera Retrovisore per Sprinter/Crafter

Telecamera Fiat Ducato/Boxer/Jumper

Telecamera Retrovisore Ford Transit

AutoVox Telecamera Retrovisore Wireless (generica)

Telecamera Retromarcia Specifico Per Furgone Con Luci Led sprinter crafter

SEDIE E TAVOLO DA ESTERNO (PIC-NIC)

Con la bella stagione e le temperature che si alzano, la vita in camper si muove solitamente verso l’esterno: alla fine, godersi la natura e le bellezze dei posti nuovi è il motivo principale per cui si viaggia (e provare nuove birre si, quello anche! 😉 )

Delle sedie ed un tavolo da pic-nic, sicuramente possono aggiungere grande comfort e vivibilità al tuo furgone camperizzato.

Sedie e Tavolo da Pic-Nic Salvaspazio

Sedie da Campeggio Pighevoli Extra-Comfort

Sedie Pieghevoli Standard con Portabirra

Tavolo da Campeggio Telescopico

tavolo telescopico per picnic - accessori camper

SCALA TELESCOPICA

A volte può servire poter accedere al tetto del tuo furgone: pulire i pannelli solari, togliere la neve dalla ventola, fare manutenzione, fare una foto, bere una birra etc. 

Non sempre è facile se il tuo furgone è alto 3 metri! Per queste evenienze, una scala telescopica torna sempre comoda.

Scala Telescopica Nestling (2,6m)

Scala Telescopica Nestling (3.2m)

nestling scala telescopica pieghevole

CUNEI PER IL PARCHEGGIO

Una di quelle cose a cui non si pensa finchè non ci si rende conto che servirebbe.

I cunei per il parcheggio sono dei pezzi di plastica (molto robusti!), che servono per livellare il camper quando si sosta in terreni pendenti.

I cunei infatti, possono aiutare sia il freno a mano a reggere meglio il peso del tuo van, sia ad inclinare il tuo veicolo dalla parte giusta per aiutare l’acqua di doccia e rubinetto a defluire correttamente.

Migliori Cunei per Camper 

Coppia di Cunei Parcheggio – Brunner

Coppia di Cunei Pargheggio – Thule

cunei pargheggio camper camperizzare un van furgone

SMART TV / MONITORS

Una TV è una di quelle cose che ti fanno sentire a casa un po’ ovunque.

Se stai pensando di installarne una sul tuo van camperizzato, tieni a mente che ne esistono sia a 220V (come quelle di casa, necessitano di inverter) e a 12V (un po’ più modeste in dimensioni/qualità immagine, ma consumano anche molto meno).

Se hai già installato un inverter, ti consiglio di orientarti sulla 220V, altrimenti una TV a 12V è la scelta più facile e veloce.

Migliori TV per Camper

TV Camper a 12V con entrata Antenna 24” 

Samsung M5 SmartTV+Monitor Hybrid 27” 

SAMSUNG HRM UltraHD-4K – 28” 

Miglior Supporto

Supporto Estraibile e Ruotabile 360° per TV a Parete

tv camper migliori tv 12v 230v

SMARTRADIO

Le autoradio negli ultimi anni si sono molto evolute e modernizzate. Le moderne SmartRadio sono diventate delle specie di tablet android e possono offrirne tutte le comodità.

Tra i benefit di una SmartRadio ci sono: schermo per camera di retromarcia, bluetooth con telefono, Playstore, Netflix, Youtube, Whatsapp, GPS integrato, previsioni del tempo, galleria foto… e chi più ne ha più ne metta!

L’installazione Fai-da-Te richiede un po’ di lavoro, ma tutto sommato, dopo averlo fatto, credo che sia alla portata di tutti.

Nella scelta di una SmartRadio, assicurati che sia adatta al tuo veicolo (modello/anno).

Migliori SmartRadio per un Furgone Camperizzato

SmartRadio per Mercedes Sprinter / VW Crafter

SmartRadio Fiat Ducato / Jumper / Boxer

Smartradio per VW Crafter

TENDALINO

Dulcis in Fundo: il tendalino! Creare uno spazio d’ombra d’estate a fianco del proprio veicolo è comodo per mangiare all’esterno e godersi il panorama senza allontanarci troppo dal nostro van. 

Di tendalini ne esistono di tantissimi tipi e modelli, sia low-cost ed extra-premium, automatici e manuali, permanenti e smontabili, con veranda o senza.

Personalmente, se stai cercando prodotti di qualità per un’installazione permanente, ti consiglierei di vedere sui siti di Fiamma e Thule, (i leader del settore), mentre per soluzioni più budget, anche i molti tendalini low-cost che si trovano su Amazon dovrebbero fare il loro lavoro 🙂

tendalino camper

HOTSPOT 4G/5G DEL TELEFONO

telefono hotspot - internet camperizzare un furgone

Internet è ormai una necessità primaria al mondo d’oggi, al pari di un letto o di una doccia calda.

Avere Internet in viaggio è ormai un lusso a cui difficilmente riusciamo rinunciare: connettività, mappe, GPS, apps… davvero i nostri smartphones e PC sono ormai diventati la nostra cassetta degli attrezzi, i nostri uffici di lavoro e luoghi di svago.

Quindi, la domanda regina è: come puoi avere internet sul tuo furgone camperizzato ovunque tu sia? 🙂

Normalmente, per la stra-grande maggioranza dei vanlifers e camperisti, creare un hotspot 4G/5G del telefono è sufficiente per connettere a internet i vari apparati presenti su un van (PC, SmartTv, SmartRadio etc.).

Il continente europeo ed il nord America sono infatti quasi totalmente coperti da reti 4G (e 5G nelle città), e questi segnali sono sufficientemente potenti per permetterci un uso piacevole di internet. 

UTILIZZARE UN ROUTER MOBILE

Se utilizzi internet per lavoro e ti serve una connessione super-veloce con maggiore copertura, o se siete più di due persone ad utilizzare internet contemporaneamente, potresti considerare di fare un upgrade e passare dall’hotspot del cellulare, ad un router mobile.

I router mobili altro non sono che degli apparati che funzionano tramite SIM card: ricevono il segnale meglio di un telefono e lo amplificano a tutte le devices connesse. Installare un router mobile, consente a tutte le componenti “Smart” del tuo furgone camperizzato di funzionare, anche in assenza del tuo telefono.

Se ti interessa entrare nei dettagli dei router mobili e capirne a fondo caratteristiche e funzionamento, ti consiglio di leggere l’approfondimento: Internet in Camper – La Guida Completa – coming soon –

I MIGLIORI ROUTER MOBILI PER CAMPER

netgear router internet camper furgone van 5g migliore

MIGLIOR ROUTER IN ASSOLUTO

Netgear NightHawk 5G

 

Vedi su Amazon

NETGEAR NIGHTHAWK 4G - internet router per camper

MIGLIOR ROUTER PORTATILE 4G

Netgear NightHawk 4G

 

Vedi su Amazon

dlink soluzione budget internet per camper furgone wifi booster

MIGLIOR ROUTER BUDGET 4G

D-Link DWR-933

 

Vedi su Amazon

INSTALLARE UN’ANTENNA “BOOSTER” PER MIGLIORARE IL SEGNALE

Forse te ne sarai già accorto: all’interno del tuo furgone, il cellulare prende peggio rispetto che fuori.

Questo succede perchè il “guscio metallico” che è il telaio del furgone, scuda parte del segnale mobile. Avvicinando il telefono alle finestre, internet tornerà a funzionare normalmente.

Premesso questo, è possibile arrivare in posti (solitamente remoti) in cui il segnale del cellulare sia comunque così debole da non permettere un normale accesso ad internet.

Per potenziare il basso segnale, e tornare ad avere un internet decente, in questi casi si può utilizzare un’antenna “booster” montata sul tetto del furgone. 

Un’antenna “booster”, altro non è che un’antenna che incrementa il basso segnale internet e lo porta ad un livello accettabile per lavorare o fruire dell’intrattenimento mobile. Per esempio, un’antenna booster può trasformare una tacca di segnale in tre tacche, oppure due tacche di segnale in un segnale pieno. Ovviamente, se il segnale è completamente completamente zero, l’antenna non avrà nulla da amplificare e quindi sarà comunque inutile averla.

Personalmente, ti consiglierei l’installazione di un’antenna booster se stai pianificando viaggi lunghi al di fuori dell’Europa, in luoghi più remoti (io sto pianificando di installarne una prima di partire per il giro del mondo in van).

maxview roam con antenna 4G - camperizzare un furgone

MIGLIOR SOLUZIONE ALL-IN-ONE 4G

MAXView Roam

 

Vedi su Amazon

antenna 4g 5g kaser camper van

ANTENNA STANDARD – BUDGET

Kaser 5G 4G LTE

 

Vedi su Amazon

MOTORHOME CAMPER WIFI ANTENNA BOOSTER

MIGLIOR SOLUZIONE ALL-IN-ONE 5G

5G Ready Compact

 

Vedi su MotorHomeWifi.com

ANTENNA SATELLITARE

Nel caso però, tu decidessi di viaggiare in aree moooolto remote (es. deserti, catene montuose, foreste etc.), il segnale 4G potrebbe non essere presente.

In questi casi, dove dove ne il cellulare, ne il router mobile, ne l’antenna booster riescono a connettere, l’ultima possibilità di ricevere segnale internet è installare un’antenna satellitare con parabola sul tetto del tuo veicolo.

L’internet satellitare in genere è lento e costoso, ma ovviamente meglio di niente! Questa è una soluzione consigliata solamente a coloro che pianificano davvero di girare gli angoli più nascosti della terra.

Nella scelta di un’antenna satellitare, è importante osservare bene la copertura garantita dal produttore dell’antenna ed ovviamente l’accordo dati che verrà contrattato.

AGGIORNAMENTO 2023: ad oggi sta prendendo sempre più piede l’opzione satellitare Starlink (a mio parere è una vera rivoluzione per tutto il mondo dei camper, specialmente se stai costruendo un van per viverci full-time!).

Se ti interessa saperne di più sull’internet satellitare Starlink e tutte le altre opzioni di internet per camper, ti consiglio di leggere il mio più recente approfondimentoin materia: Internet in Camper con Starlink | Come stare connessi ovunque

TRE CONSIGLI UTILI PRIMA DI ACQUISTARE DEGLI ATTREZZI

In questa sezione, voglio mostrarti gli attrezzi essenziali che ti serviranno durante la camperizzazione del tuo furgone.

Prima di cominciare però, voglio darti due consiglio derivante dalla mia esperienza:

1) Prima di acquistare degli attrezzi, verifica in casa che cos’hai già: se non ti sei mai lanciato in grandi progetti Fai-da-Te, probabilmente non avrai moltissimi strumenti, ma ogni cosa che hai può servire e può aiutare a ridurre il costo degli attrezzi.

2) Prima di acquistare, prova a vedere se qualcuno che conosci ha gli strumenti che ti servono e può prestarteli: chiedere non costa nulla, e ci sono buone probabilità che qualcuno che tu conosci abbia gli strumenti che ti servono chiusi in uno stanzino buio da qualche parte. Prima di acquistare degli attrezzi quindi, assicurati che non ci siano possibilità di prenderli in prestito da qualcuno (specialmente gli attrezzi specifici che si utilizzano meno!).

3) Se sei arrivato alla conclusione di acquistare uno strumento, il mio consiglio è di prendere prodotti di qualità. C’è un detto che dice: “chi più spende, meno spende”. Mai parole più sagge che in questo caso! Personalmente, all’inizio della mia camperizzazione ho provato a risparmiare su alcuni attrezzi ed è stata una pessima idea: attrezzi scadenti rallentano il lavoro, sono imprecisi e si rompono. Durante la mia camperizzazione ho dovuto cambiare sia levigatrice, che trapano, che seghetto alternativo. Al secondo acquisto ho speso un po’ di più (la differenza tra un prodotto buono e uno ottimo sono poche decine di euro alla fine), ma la facilità di fare il lavoro con degli strumenti buoni non è neanche paragonabile!

 

f aaa isa sega tazza vanlife italia

UTENSILI DA LAVORO PER TAGLIARE

Durante la camperizzazione di un van, ti troverai a dover tagliare di continuo (legno, ma anche plastiche e metallo!). Qui di seguito trovi gli strumenti essenziali di cui sicuramente avrai bisogno:

 

ATTREZZI PER FISSARE

Oltre a tagliare ovviamente, bisogna anche costruire, unire e fissare. Per fare questo, sono necessari un’altra serie di attrezzi tra i quali:

UTENSILI PER L’ELETTRICITA’

Cablare l’impianto elettrico di un furgone camperizzato, richiede alcuni strumenti particolari, tra i quali:

 

DISPOSITIVI DI SICUREZZA

Gli incidenti possono succedere e la cosa migliore da fare per evitare guai seri, è prevenirli.

ATTREZZI MULTIUSO ESSENZIALI

Qui di seguito, trovi degli accessori che non rientrano in nessuna delle precedenti categorie ma sono comunque essenziali per camperizzare un furgone come si deve:

Questi erano gli attrezzi essenziali che ti troverai ad utilizzare più e più volte nella maggior parte delle fasi di camperizzazione del tuo van.

Ovviamente ce ne sono molti altri, molto più specifici che magari verranno richiesti solo per piccoli lavoretti. Negli articoli di approfondimento che trovi alla fine di ciascun capitolo, trovi delle guide dettagliate su come io ho montato le varie componenti del mio furgone, e in ciascuno troverai informazioni sugli attrezzi specifici per quel particolare passaggio.

19. PRODOTTI PER FURGONI CAMPERIZZATI

LEGGI: APPROFONDIMENTO 17

camperizzare un van - prodotti e siti utili per convertire un furgone in camper fai da te

TUTTI I PRODOTTI PER CAMPER CHE HO UTILIZZATO E DOVE COMPRARLI

Dove cercare gli strumenti, accessori e prodotti utili per camperizzare un Furgone?
Meglio affidarsi a negozi locali o online?
In questo articolo, ti racconto la mia esperienza e ti mostro cosa ho usato per il mio progetto.

Per mia esperienza, ti posso confermare quello che si dice, che l’80% del tempo necessario per camperizzare un furgone serve per pianificarne il layout e ricercare tutti i prodotti necessari, mentre solamente il 20% del tempo è quello in cui ci si mette le mani e si lavora fisicamente al progetto.

Con questo approfondimento, voglio salvarti il “lavoro sporco” della ricerca (che già ho fatto io!) e ti mostro i migliori siti italiani per acquistare articoli per camper, e tutti i prodotti che ho utilizzato nella mia camperizzazione, nel caso ti interessi fare scelte simili.

Oltre che nell’articolo, se vuoi tutto sapere tutto subito, trovi tutti i prodotti da me provati e scrupolosamente spulciati anche nella vetrina Amazon di Lost on The Route.

Indice dell’Articolo

1. Negozi Online: I Siti Migliori di Prodotti per Camper Fai-da-Te

2. Camperizzare un Van: Quando Convengono i Negozi Fisici

3. Tutti i Prodotti che Ho Usato per Camperizzare il Mio Furgone

4. Conclusione

CANALI YOUTUBE ITALIANI SUI FURGONI CAMPERIZZATI

Qui di seguito ti lascio dei canali Youtube Italiani di vari ragazzi che parlano di camperizzare van Fai-da-Te e Vanlife, che personalmente trovo interessanti, informativi o divertenti. Tra parentesi ti lascio l’argomento principale del canale (ovviamente può cambiare col tempo! 😉 ). 

LostOnTheRoute – il nostro canale, include video-guide per camperizzare Fai-da-Te, vlogs informativi, viaggi e birra 😉

StepsOver – Giro del Mondo in un Camion 4×4 Militare Camperizzato

Pato&Pata – Camperizzare un Van con Cella Frigo

InViaggioConErmanno – Camperizzare un Van, Video Pratici e Idee Innovative

VanSweetFun – Camper Fai-da-Te, Vanlife Pratica e Allestimento Mobile

TheNirvan – Camperizzare Fai-da-Te e Simpatici Vlog di Viaggio

ALTRI BLOGS ITALIANI SUI FURGONI CAMPERIZZATI

In questo blog, spero tu abbia trovato una grande quantità di informazioni utili per dare vita al tuo sogno di casa su ruote, personalmente ho cercato di scrivere questa e tutte le altre guide il più complete, informative e dettagliate possibile. Detto questo, prendere ispirazioni da più fonti può solo che far bene al tuo progetto, e per questo voglio lasciarti qui di seguito dei link ad altri siti e blog italiani che parlano di camperizzazioni Fai-da-Te.

CamperOnline – Il Sito numero 1 in Italia sul mondo dei Camper 

Yescapa – Sito di Noleggio di Furgoni Camperizzati con Grande Community

InViaggioConErmanno – Corsi di Camperizzazione in vivo, Vanlife e Batterie al Litio

VanSweetFun – Storie di Vanlife, Guide per Allestimenti Mobili e Consigli Pratici

JustMolla – Guide sulla Camperizzazione Fai-da-Te e Articoli sui Camper

 

LEGGI: APPROFONDIMENTO 18

COSE DA SAPERE prima di camperizzare un furgone

CAMPERIZZARE UN VAN: 10 COSE DA SAPERE PRIMA DI INIZIARE

Camperizzare un Van per molti è un sogno. E’ liberta, è creatività, è vita. Non dimentichiamoci però, che camperizzare un furgone è anche un’impresa non da scherzi.

In questo articolo ti propongo delle considerazioni e degli spunti di riflessione derivanti dalla mia esperienza per prepararti al meglio alla tua camperizzazione 🙂

21. QUANTO COSTA CAMPERIZZARE UN FURGONE? 

LEGGI: APPROFONDIMENTO 19

quanto costa camperizzare un furgone fai da te

QUANTO COSTA CAMPERIZZARE UN FURGONE FAI-DA-TE?

Quanto Costa Camperizzare un Van Fai-da-Te? La regina di tutte le domande… In questo articolo, ti voglio mostrare tutti i costi della mia conversione dall’inizio alla fine, in modo che anche tu possa farti un’idea di quanto potrebbe venirti a costare!

Si può camperizzare un van con un budget super-stringato, oppure investirci decine di migliaia di euro. Alla fine, tutto dipende dalle tue possibilità, dalle tue esigenze e da quanto vuoi investire. Per questo non esiste un costo preciso per camperizzare un van!

Detto ciò, in questo approfondimento ti racconto nei dettagli la mia esperienza e ti mostro tutte le mie spese di camperizzazione super-trasparentemente fino all’ultimo centesimo!

Di seguito invece, trovi anche un video in cui te lo racconto 😉

22. CONCLUSIONI E CONSIGLI UTILI

van camperizzato furgone finito

Ed eccoci finalmente arrivati al termine di questa lunghissima guida, nata dalla frustrazione che ho provato durante la mia camperizzazione nel dover cercare informazioni sperdute sparse ovunque su internet ;D

Spero davvero tu abbia trovato le informazioni utili che cercavi e che queste  possano aiutarti nella trasformazione del tuo furgone nel tuo piccolo grande sogno su ruote

Come in tutti gli articoli, ed ancora di più questa volta, ti vorrei chiedere di farmi sapere nei commenti qui sotto se leggendo trovassi degli errori, delle imprecisioni oppure dei link non funzionanti. Allo stesso modo, fammi sapere se hai dei dubbi su qualche argomento, qualche domanda oppure qualche suggerimento per migliorare questo articolo.

La mia idea, è di mantenere questa Maxi-Guida aggiornata per aiutare chiunque in futuro voglia camperizzarsi un furgone Fai-da-Te: se si può fare all’estero, si può fare anche in Italia!

Per ultimissima cosa, voglio dedicare un pensiero a voi che ancora siete indecisi, che state pensando lontanamente all’idea di camperizzare un van, ma siete ancora incerti e pieni di mille dubbi:

“Se stai accarezzando l’idea di provarci, ma ti sembra possibile, fidati che non lo è! Camperizzare un Furgone Fai-da-Te sembra un’idea folle, complicata, difficile. Forse si, lo è… ma rassicurati che se ce l’ho fatta io, ce la puoi fare anche tu! Prendi un foglio e una penna, scrivi, pianifica e pensa come farlo accadere! I sogni sono fatti per uscire dal cassetto, e il giorno di tirarli fuori potrebbe essere proprio oggi! 😉 “  

Grazie a tutti per leggere!

Ci vediamo per strada, o nel prossimo articolo 🙂

PRIMA DI ANDARTENE, POSSO CHIEDERTI UN FEEDBACK?

 

Scrivere articoli dettagliati come questo richiede molto tempo ed impegno.

Se ti è piaciuto, posso chiederti di lasciarmi un messaggio di feedback nei commenti a fondo pagina?

Per un content-creator, sapere di essere letti e che i tuoi sforzi sono utili a qualcuno, è la miglior motivazione per continuare a scrivere e a fare meglio 🙂

Fammi sapere cosa ti è piaciuto o cosa secondo te si potrebbe aggiungere.

Se ti va, puoi anche condividere l’articolo per aiutare altra gente a trovarlo!

Grazie per l’aiuto 🙂

lascia commento su lostontheroute.com

51 Commenti

  1. Giovanni

    Che dire…lavoro INCREDIBILE!!! Grazie Dani per tutta la guida e gli approfondimenti super dettagliati, per il nostro progetto sono stati inestimamibili!! li stiamo leggendo come la bibbia ahah continua così!

    Rispondi
  2. Simone

    Dani Dani Dani che dire ore e ore x seguire i tuoi consigli ottimo lavoro sto riuscendo a stravolgere il mio Ducato a 9 posti in un piccolo gioiello x viaggiare considerando che siamo in 4 più Nala ( pastore svizzero di 40kg) devo prendere decisioni più estreme però da te ho trovato proprio tutto quello che serve x camperizzare
    Grazie di cuore e continua così
    In bocca al lupo x i nuovi progetti

    Rispondi
    • Dani

      Grazie Simone!

      Un saluto a tutti compresa Nala! 🙂 e buon lavoro!! 🙂

      Rispondi
  3. Antonio C.

    Ciao GIOVANNI, farti i complimenti e ringraziarti per il lavoro profuso è il minimo. Di una cosa sono rimasto oltremodo piacevolmente sorpreso, ovvero: Il fatto che tu abbia condiviso tutto, ma proprio tutto quello che hai fatto per camperizzare ARANCINO.
    Non è da tutti mettere a disposizione le proprie conoscenze/esperienze, così, senza chiedere, tantomeno pretendere alcunché.
    Ti stimo per come ti sei affacciato in questo mondo bellissimo, tante volte rovinato da alcune persone avide e false.
    Un caro saluto e ti auguro buona strada, sempre.

    Rispondi
    • Dani

      mi chiamo Dani, non Giovanni ahah 🙂

      comunque grazie per le tue belle parole Antonio! Ho cominciato a scrivere sulla camperizzazione per creare le risorse che avrei voluto incontrare io quando ho cominciato la mia, e sono felice che siano d’aiuto:) Nei prossimi due mesi ho altri 7-8 articoli in programma per concludere bene l’argomento:)

      Altrettanto!! E buon lavoro! 🙂

      Rispondi
  4. Fabio & Stéphanie

    Buongiorno Dani, Complimenti veramente per la tua super guida super dettagliata!
    Veramente utile, ben fatta e curata nei dettagli.
    Veramente una bella idea, di mettere a disposizione le tue esperienze e conoscenze acquisite a disposizione di tutti.
    Sono sicuro che mi sarà di grande aiuto.

    Rispondi
    • Dani

      grazie ragazzi! Sono tanto felice che sia d’aiuto 🙂

      Rispondi
  5. Francesco

    Ciao Dani, pensando di aggiungere un nuovo pannello a quello che ho già installato ho visto il tuo video sull’impianto elettrico; poi il resto mi ha letteralmente rapito. Complimenti !!!
    Oltre all’ottimo lavoro fatto con il tuo “Arancino” sei stato ancor più bravo ad illustrare, facendo apparire semplice, un lavoro tanto impegnativo.
    Sto leggendo con tanto interesse tutto ciò che hai fatto ed avendo un mansardato che ormai è sovradimensionato rispetto alle mie attuali esigenze, mi hai fatto venire la voglia di cimentarmi in un lavoro del genere.
    Grazie di tutto ed in bocca al lupo per tutto.

    Rispondi
    • Dani

      Grazie Francesco per il tuo feedback e le tue belle parole!!

      Buona Strada anche a te! 🙂

      Rispondi
  6. Francesco C.

    Ciao Dani!
    Complimenti e grazie davvero per tutto il materiale che hai messo e stai mettendo online!
    Mi sto lasciando rapire dall’idea di camperizzare un furgone e sui tuoi canali sto trovando tante informazioni utili e soprattutto che percepisco come affidabili (cosa non scontata e non trovata altrove).
    Volevo chiederti però un paio di domande:
    1) per quanto riguarda i discorsi fatti per l’omologazione tutto quanto detto è valido anche all’estero (almeno in Europa)? Ad esempio, un allestimento mombile non omologato è tollerato anche all’estero o si rischia qualcosa di più che in italia in caso di controlli?

    2) spese fisse come bollo e assicurazione a quanto ammontano per un mezzo come il tuo? Ho provato a cercare fra i vari post ma non ho trovato questa informazione! (Ecco forse unico suggerimento per il sito potrebbe essere di inserire uno strumento di ricerca perché accedendo da mobile non è così agile l’uso della ricerca integrata in safari)

    Grazie mille ancora per tutto e scusa le domande un po’ invasive forse!
    Buona giornata,
    Francesco

    Rispondi
    • Dani

      Ciao Francesco, grazie mille 🙂

      1) Senti, se il veicolo è targato italiano, difficilmente all’estero ti faranno problemi sull’allestimento in sè o cosa può o non può circolare… i problemi maggiori sicuramente li hai nei controlli in Italia se stai viaggiando con qualcosa di illegale:)

      2) se non sbaglio, vado a memoria, bollo e assicurazione (con furto/incendio etc. una delle migliori che mi hanno proposto) erano 700euro/anno.

      Grazie tanto per l’idea della ricerca mobile, non ci avevo mai pensato… tra questa e la prossima settimana vedrò di metterci mano e renderlo più user-friendly:)

      Rispondi
  7. Cinzia

    Ciao. Noi stiamo provando a camperizzare il nostro furgone, un Citroen jumper L3 H2.
    Se stiamo piano piano, ma moooooolto piano piano, riuscendo in questa impresa è soprattutto grazie ai tuoi articoli e al tuo sito web. Ci sei di grande aiuto e sei stato veramente molto bravo e dettagliato in ogni articolo che hai fatto! Complimenti sinceri!!!!!

    Rispondi
    • Dani

      Ciao Cinzia, grazie mille per il tuo commento! Sono felice che gli articoli siano d’aiuto 🙂 Buon lavoro a voi!! 😀

      Rispondi
  8. Franco

    Ciao Dani. Sono Franco. Ho iniziato da pochissimo a studiare la teoria della camperizzazione di un van per aiutare mio figlio Alessio a realizzare il suo sogno.
    Innazzitutto la più infinita serie di complimenti per il sito, le guide, il blog e tutto il chiarissimo e preziosissimo lavoro che hai svolto e condiviso.
    Ho visto che hai installato un oblò sul tetto del van.
    Domanda: ma è necessaria l’omologazione dopo quella operazione o è possibile installarlo tranquillamente senza problemi?
    Grazie ancora…

    Rispondi
  9. Franco

    Ciao Dani. Ti riscrivo perchè non vedo pubblicato il messaggio e non ho ricevuto risposta.
    A parte i dovuti complimenti per lo splendido lavoro che hai fatto, volevo farti una domanda:
    mio figlio vuole camperizzare il suo furgone e vorrebbe installare un oblò sul tetto.
    Ho visto che tu l’hai installato. Volevamo sapere se è necessaria omologazione o qualche altra adempienza dovuta.
    Rinnovo i complimenti e i ringraziamenti.

    Rispondi
    • Dani

      Grazie mille Franco!!

      L’oblò, non essendo una modifica strutturale, può essere installato senza problemi anche su un furgone:)

      Buona fortuna a voi, che tuo figlio possa realizzare il suo sogno!

      Rispondi
  10. Alex

    Non posso fare a meno di ringraziarti per tutte le informazioni che hai condensato in questo sito, sicuramente uno dei più utili che io abbia incontrato.
    Soprattutto devo ringraziarti per quanto lavoro tu abbia fatto, oltre che nell’allestimento del furgone, nel costruire queste pagine.
    Grazie davvero.

    Rispondi
    • Dani

      thx Alex per il tuo feedback, felice davvero che siano d’aiuto! 🙂

      Rispondi
  11. Marcello

    Ciao… Davvero preciso! Leggendo il blog ho chiarito anticipatamente tanti dubbi che viceversa avrei dovuto affrontare strada facendo. Ormai non sono più un ragazzino, desidero costruire questa casetta su ruote per sfida personale ma anche perchè l’idea di un posto tutto mio definibile casa fatto da me e spostabile mi ingrifa da sempre. Mio padre nella sua vita ha avuto il progetto di farsi una casa in mattoni progettandola dalla A alla Z e purtroppo a mala pena ne ha visto la fine, godendosela praticamente niente, ma lasciando a me un’opera davvero futuristica. Io mi cimento in questo progetto che da tempo mi affascina, sicuramente anche grazie alla tua esperienza credo proprio che sarà un successo. Grazie

    Rispondi
    • Dani

      te lo auguro di cuore!! Se servisse un aiuto con qualunque cosa scrivimi pure 😀

      Buon lavoro a te Marcello!! 🙂

      Rispondi
  12. Alessandro

    Ciao Dani, mi associo ai complimenti, te li meriti tutti, veramente la guida più completa che si possa trovare. Avrei intenzione di acquistare un furgone in Germania e mi chiedevo se invece di fare la targa provvisoria tedesca, portarlo in Italia, farlo camperizzare e tornare in Germania per l’omologazione fosse possibile e conveniente far effettuare un allestimento essenziale direttamente là (su internet si trovano diversi allestitori) e una volta omologato e nazionalizzato poter eseguire le eventuali modifiche con calma una volta a casa. A me servirebbe giusto l’essenziale per l’omologazione: il letto, il tavolo, il fornello e un piccolo armadio per uscite di qualche weekend in bici quindi se lo faccio preparare là ci sarebbero controindicazioni? Una volta acquistato il furgone quali sarebbero i passaggi da fare per il trasporto del furgone dall’allestitore (targhe e assicurazione) e successivamente per l’omologazione? Grazie mille.

    Rispondi
    • Dani

      Ciao Ale!! Nessuna controindicazione, anche quella è una strada che si può seguire 😀 se ti fai camperizzare il van in Germania, poi quando andrai a prenderlo puoi passarlo direttamente al Tuv + motorizzazione tedesca (sempre che non se ne occupi con delega l’allestitore), e quindi puoi importarlo in Italia, dichiararlo all’agenzia delle entrate perchè sblocchi il telaio, e quindi andare in motorizzazione italiana a targarlo 🙂

      Rispondi
  13. Mirco

    Ciao Dani! Grazie di tutte le info del tuo blog, sono davvero utilissime. Ho una domanda però che non ho trovato risposta e speravo mi potessi aiutare… Per omologare un eventuale terzo o quarto passeggero a bordo, è sufficiente che le sedute siano provviste di cinture o ci sono requisiti più restrittivi? (che siano per esempio sedili originali già omologati, fissaggio al pavimento, orientamento della seduta ecc..) Grazie del tuo tempo!

    Rispondi
    • Dani

      Ciao Mirco!! I sedili devono essere certificati per il mezzo su cui li andrai a montare, e montati secondo le istruzioni del produttore (libretto d’istruzioni – tra cui sicuramente ci sono tutti i dettagli per il fissaggio al pavimento, orientamento seduta etc.) 🙂

      Rispondi
  14. Mirko

    Ciao Dani,

    prima di tutto complimenti, mi hai messo la pulce nell’orecchio e adesso sono gasato per fare il mio primo Van. Magari mi è sfuggito ma non ho visto il tempo che ci hai messo a trasformare il tuo. Mi potresti dire più o meno quanto tempo?

    saluti

    Rispondi
    • Dani

      ciao Mirko!!

      Noi ci abbiamo messo circa 4 mesi a convertirlo (io, la mia ragazza con l’aiuto di mia sorella ed un vicino di casa) nel tempo libero (prima di lavoro, dopo lavoro e nei giorni liberi xD), e 4 mesi a navigare la burocrazia per omologarlo ahah

      A tempo pieno e con il giusto spazio, credo ci si potrebbe mettere meno della metà 🙂

      Buon inizio a te Mirko!! Vedrai che sarà un’esperienza super divertente ;D

      Rispondi
  15. Andrea

    Ciao Dani, Guida stupenda e completa! La sto usando per camperizzare il mio Ducato!
    Ho una domanda: parlando con un allestitore riguardo i sedili girevoli, mi ha detto che le piastre, per essere in regola, devono aver superato dei crasch test per ogni modello e validi per l’italia. Vorrei mettere anche io la panca girevole come la tua e mi chiedevo se effettuano questi test e allegano le certificazioni dal sito inglese che hai linkato. Grazie!

    Rispondi
    • Dani

      Hey ciao Andrea!! 🙂

      Si, con la piastra che ho ordinato da RJ Camper Solutions mi hanno inviato anche una certificazione di conformità CE con i risultati dei crash test inclusi 🙂

      Rispondi
  16. Riccardo

    Grandissimo Daniele!!
    la tua guida è spettacolare e i tuoi video davvero perfetti e sempre molto simpatici.

    Rispondi
      • Mauro

        Ciao Dani.
        Solo per dirti che nonostante mi ritrovo a navigare tutti i giorni per cercare la soluzione migliore per allestire il mio furgone….i tuoi suggerimenti e la chiarezza della tua esperienza non ha uguali….non ci sono alternative al tuo lavoro. Il meglio che si possa trovare per cominciare un’avventura chiamata libertà.

        Rispondi
        • Dani

          Grazie Mauro!! Avanti sempre con la libertà! 😀 buona strada e buona vita!

          Rispondi
  17. CLAUDIO MANFREDI

    Carissimo, complimenti, avevo una domanda da farti sull’impianto idrico e in particolare sulla attivazione del JP Heater per la produzione di acqua calda. In sè questo apparato ha un piccolo serbatoio-boiler al suo interno o ha solo una serpentina che riscalda l’acqua di passaggio ?
    E nel secondo caso come fa ad attivarsi in sinergia con la pompa Shurflow che a sua volta si attiva solo per depressione ?
    Si deve per caso agire sempre prima sul display dello JP Heater ogni volta che si vuole aprire un rubunetto con acqua riscaldata oppure questo avviene automaticamente per il JP Heater possiede sensori di flusso che lo attivano a sua volta?

    Rispondi
    • Dani

      Ciao Claudio! All’interno ha un serbatoio-boiler di 10Litri.

      Quando il serbatoio è pieno, la pompa Shurflow si arresta. Nel momento in cui si apre un rubinetto di acqua calda, l’acqua in automatico viene prelevata dal serbatoio/boiler e la pompa Shurflow provvede a riempire il boiler nuovamente. Ovviamente, quando non si pianifica di utilizzare acqua calda, il JP heater rimane spento (consumerebbe Diesel per niente), si accende solo quando necessario (ci mette circa 10minuti a scaldare i 10Litri di acqua).
      Spero di aver risposto alla domanda xD

      Dani 🙂

      Rispondi
  18. Nico

    Ciao Dani! Sarebbe interessante un articolo su come funziona l’assicurare un furgone camperizzato da se e poi omologato in Germania. Ci sono vincoli/differenze con l’assicurare un camper acquistato? Come viene valutato il valore del mezzo non essendoci un prezzo di listino?

    Grazie

    Rispondi
    • Dani

      Ciao Nico!!

      Per la mia esperienza, me l’hanno assicurato esattamente come farebbero per qualunque altro camper. A seconda di quello che io ero disposto a pagare mi hanno offerto coperture con massimali diverse (quindi è un po’ come se il prezzo di listino lo stessi facendo io nella mia testa 🙂

      Sicuramente è un argomento interessante da espandere e grazie per l’input, ci scriverò una guida dettagliata a riguardo 🙂

      Rispondi
  19. Rocchetti Andrea

    Ciao Dani, prima di tutti complimenti per il tuo Blog posso tranquillamente dire che è il migliore che abbia visto, lo sto studiando per bene visto che tra poco andrò in pensione ed inizierò a mettere mano sul mio furgone da lavoro uno Hyundai H350 passo lungo H2.
    Ho qualche domanda.. per il momento, nel bagno non vedo nessun lavello è possibile? inoltre nei link che lasci per i vari miscelatori guardando le caratteristiche non mi sembrano provvisti di interruttore 12V hai aggiunto tu un interruttore per far partire la pompa? Altra cosa sono in crisi nel trovare le piastre girevoli per il mio furgone hai consigli?.
    http://www.youtube.com/watch?v=QKbqYQQNxxE&t=128s questo il mio mezzo.

    Rispondi
    • Dani

      ciao Andrea!! 🙂 si, nel bagno abbiamo preferito non mettere un lavello (già è piccolino) e metterne solo uno grande (45x50cm) nella cucina 🙂

      Non credo di aver capito bene la domanda…Se per miscelatori intendi i rubinetti, non c’è bisogno che abbiano un interruttore: quando sono chiusi, la pompa riempie i tubi finchè c’è spazio, e quando sono a pressione 2bar si ferma in automatico. La pompa si riattiva quindi solo e solamente quando apri il rubinetto (per il tempo che la pressione nei tubi diminuisce – ossia quando un rubinetto è aperto).

      Per lo swivel seat non saprei aiutarti…ho fatto una rapida ricerca sia in inglese che in tedesco, ma non riesco a trovare rivenditori, è abbastanza difficile per un hiyundai purtroppo, non ne ho mai visto uno. Fammi sapere se hai novità 🙂

      Rispondi
  20. nevio staffieri

    ciao grazie davvero!!! mi stai convincendo!!!

    Rispondi
    • Dani

      ahahah ciao Nevio!:D

      Rispondi
  21. Roberto

    Cáspita che capolavoro! Vi ho letti perché dovrò restaurare il mio autocaravan infiltrato del 1992, per cui sono famelico di qualsiasi informazione che mi possa aiutare, e qui ce ne sono a campionate. Grazie. Roberto.

    Rispondi
    • Dani

      Benvenuto Roberto, e buon lavoro! 😀

      Rispondi
  22. Andrea

    Ciao Dani, una domanda .. dopo aver fatto la targa export temporanea rossa in Germania e aver portato il mezzo in Italia, il mezzo può comunque circolare finché la targa è valida?
    Posso quindi circolare per (banalmente) andare a comprare legno, pannelli, accessori ecc per la camperizzazione?

    Da qualche tempo mi sembra vigano altri obblighi e limiti temporali per l’introduzione di mezzi esteri in Italia.
    Ho provato a cercare info ad esempio su sito ACI https://www.aci.it/archivio-notizie/notizia.html?tx_ttnews%5Btt_news%5D=2514&cHash=46407853ddec4d979784afec43e78335 ma nn trovo lo scenario di proprietario italiano residente in Italia ..

    Tu che hai più esperienza, conosci nuove regole che riducono i 12 mesi che avrei con la targa export rossa tedesca?
    Non vorrei fare una targa rossa per 12 mesi e trovarmi poi a nn poter circolare o a doverlo reimmatricolare in Italia entro 3 mesi … 😅

    Grazieeee Andrea 😊

    Rispondi
    • Dani

      Ciao Andrea!! 😀
      Diciamo che siamo in un’area legislativa molto grigia (welcome to Italy!) xD

      Il mezzo può circolare in Europa finchè la targa è valida, essendo la targa tedesca una targa d’esportazione e non una normale targa tedesca (se fosse una targa semplice, dopo la stretta del decreto Salvini del 2019 si, potrebbe circolare solo per 90 giorni).

      Detto questo, c’è da dire che legalmente una volta convertito il van, per riportarlo in Germania (o comunque circolare in Italia con un allestimento “camperizzato o semi-camperizzato” – es. finestre, senza paratia, installazioni fisse etc-) non si potrebbe guidare (in quanto a questo punto il veicolo non sarebbe conforme a quanto scritto sulla carta di circolazione).

      Per fare tutto legalmente legalmente legalmente, bisognerebbe trasportarlo via treno (*sospiro*), ma nessuno lo fa (neppure noi eh!) e si rischia a portarlo su in Germania sperando che nessuno ci fermi, o che comunque con l’appuntamento del TUV si venga scusati 🙂
      Purtroppo le leggi al momento sono ancora queste, e finchè non ci sarà una chiara procedura per fare tutto in Italia (c’è, ma non è più semplice di questa xD) si ricorrera a queste mezze-vie legali xD

      Di che regione sei tu? Magari posso consigliarti qualche agenzia a seconda della regione di provenienza, così da chiedere un preventivo per curiosità 🙂

      Dani

      Rispondi
  23. Beppe

    Ciao Dani!
    Sei un grande e davvero complimenti per questo immenso lavoro che hai fatto e che permette di avere una vera e propria enciclopedia per camperizzare un van! Sto spammando il tuo sito a tutti i miei amici che ne hanno già uno o che vogliono incominciare a farlo..
    A giorni sto per comprare il mio, un Master, e grazie a te sarà tutto meno complicato (spero..ahah). E ti avviso già che ti romperò parecchio le scatole 😛

    Rispondi
    • Dani

      Ahahah grazie Beppe! 😀 Nei prossimi due-tre mesi quasi tutti gli articoli verranno aggiornati per essere attualizzati ad oggi, spero che vi saranno d’aiuto 🙂
      E se serve aiuto, quando vuoi 😀 Buon inizio!!!

      Rispondi
  24. Lilli

    Grazie per il tuo aiuto, Sto cercando Di camperizzare un Iveco e prima di léggere i tuoi articoli non stavo riuscendo nemmeno a fare un piano progettuale, grazie a te la Strada mi sembra meno ardua. Sei un grande

    Rispondi
    • Dani

      Felice di essere d’aiuto 🙂

      Buon lavoro Lilli!!!!

      Rispondi
  25. claudio

    Ciao ho comprato un Ducato 540 con la paratia con porta scorrevole e due posti. Ho deciso di camperizzarlo dato che per 25 anni ho fatto il falegname lo voglio fare tutto amovibile non ho problemi di come fissarli che si possano togliere senza nessun attrezzo. Ero titubante a riguardo dell’ impianto elettrico ma con la tua guida lo hai reso semplice.
    Unico dubbio mi sta venendo e come riscaldare l’acqua per il bagno con che cosa?
    La cucina la vorrei con le piastre a induzione e pannelli fotovoltaici anche quelli sistema amovibile.
    Poche parole copio il tuo.
    L’ arredamento l’ho studiato per le mie esigenze.

    Rispondi
    • Dani

      Ciao Claudio!! Ho visto ora il tuo commento, scusami per la tarda risposta.
      Le possibilità per riscaldare l’acqua sono o a diesel (prelevando dal serbatoio del motore), con elettricità a 12V, o con un boiler 220V. Per capire quale sia la soluzione migliore per te, molto dipende dall’uso che pianifichi per il tuo camper e dall’impianto elettrico che hai in mente. Quando sei più comodo ed hai le idee chiare, organizziamo la chiamata 🙂

      Rispondi
      • wivibo

        Ciao Dani! Innanzitutto complimenti per il tuo blog. Avrei una domanda da farti: sto camperizzando un ducato e volevo installare una finestra un po’ particolare, ho cercato dappertutto ma non ce ne sono di simili in vendita, perciò dovrò farla realizzare ad un artigiano serramentista, ovviamente la farò realizzare in plexiglass come le normali finestre da camper solo che non avranno l’omologazione. Pensi che per questo potrò incorrere in problemi al momento del collaudo? Come potrei eventualmente risolvere? Grazie in anticipo per la risposta

        Rispondi

Trackback/Pingback

  1. Cucinare in Camper con un Piano ad Induzione (Parte 2) - Foodche - […] ?COME CAMPERIZZARE UN FURGONE FAI-DA-TE – LA MEGAGUIDA https://lostontheroute.com/it/come-camperizzare-furgone-van/ […]

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

“La tua casa,

è dove decidi di parcheggiarla”

– un Vanlifer